RENATO ZERO, 70 ANNI DA GRANDE ARTISTA

0
131
renato zero

Il cantautore romano festeggia 70 anni, una vita di successi e continue evoluzioni sempre al passo con i tempi.

Buon Compleanno Renato! Compie 70 anni oggi, 30 settembre 2020, l’amato cantautore romano, una vita scandita dalle vette della hit parade musicale italiana con brani unici dalle tematiche scomode e mai affrontate. É Renato Zero

Un artista fuori dagli schemi

Il cantautore fin dagli esordi fece parlare di se, anche se ben pochi capirono fin da subito la star, infatti Renato Fiacchini, per l’anagrafe, esordì per il suo primo album “No mamma no!” truccato e con variopinti costumi affrontando una tematica, quella dell’aborto, mai affrontata da nessun artista in Italia. La canzone “Sogni nel buio”, non fu l’unica, nell’album  Invenzioni affrontò la violenza sui minori con “Qualcuno mi renda l’anima”. Le sue parole fecero scandalo, argomenti che tutti sanno, ma difficilmente espongono ai quali unire la sua immagine anticonformista. Droga, prostituzione, preferenze sessuali, lotta alla caccia, i transgender sul palco. Nel 1977 il definitivo successo con l’album “Zerofobia” inserito dalla rivista Rolling Stone tra i 100 album italiani più belli di sempre, il concerto venne trasmesso anche dalla Rai. Zero fu rivoluzionario anche per quanto riguarda i tour, prese in affitto dalla famiglia Togni un tendone, nacque in questo modo il tendone itinerante Zerolandia, dal titolo dell’omonimo album del 1978, l’artista girò per anni tutta Italia, fino al 1984, quando il tendone fu chiuso, sancendo anche una crisi di successo del cantautore.

50 Anni in hit parade

La forza di Renato Zero è stata quella di capire i gusti musicali seguendo le evoluzioni del tempo, non è mai rimasto attaccato all’artista che fu negli anni 70. Abbandonò trucchi e costumi preferendo un’immagine più sobria, la definitiva rinascita con il secondo posto a Sanremo 91 con “Spalle al muro”.  Dopo poco nacque il progetto Fonopoli, una cittadella della musica, che mai si concretizzò.
Erozero nel 1979, anno in cui Renato scalò anche il box office italiano con il film “Ciao Ni!”; negli anni 80 furono cinque gli album in testa, due negli anni 90, mentre nel primo decennio del 2000 furono quattro. Nel 2013 con “Amo capitolo uno” arrivò un altro primo posto in hit parade.

Zerosettanta

Idea rivoluzionaria del cantautore per festeggiare i suoi settanta anni è la nascita di “Zerosettanta”, un progetto che porterà a partire dal 30 settembre, giorno della sua festa alla pubblicazione, fino al 30 novembre, di tre diversi album, con inediti scritti durante il periodo della pandemia, un sicuro successo, per l’artista sempre sulla cresta dell’onda.

di Christian Scala