Guardie Zoofile in prima fila. Intensificate le attività ispettive a tutti i livelli

0
30

Cambio di passo sul lago di Bracciano in fatto di animali domestici ed in particolare per i cani. Molte le attività infatti messe in campo dal Guardie Zoofile Gruppo di Bracciano ed Anguillara che, grazie al potere ispettivo che affida loro la legge, possono davvero influire sulla sorte degli animali destreggiandosi tra le varie istituzioni, Comuni, Servizi Veterinari della Asl Roma 4, Forze di Polizia e Tribunali. E’ così che nei giorni scorsi un cane, già di proprietà di un detenuto, ha potuto varcare i cancelli del centro in cui era detenuto in box per ritrovare nuovi proprietari. Altre otto cani attendono la stessa sorte. Un’operazione lunga e difficile che però ha avuto un esito positivo determinando anche un risparmio per la collettività. La detenzione di cani costa infatti ai Comuni decine di migliaia di euro e le amministrazioni locali non si muovono come dovrebbero per abbassare queste spese favorendo il più possibile le adozioni. Coordinati da Andrea Mariani il gruppo delle Guardie Zoofile si muove oltre che nel recupero di animali anche nell’ambito dell’educazione dei ragazzi. L’estate scorsa una cinquantina di ragazzi di Bracciano hanno potuto partecipare ad un campo in Trentino Alto Adige. E il 19 aprile scorso alla Regione Lazio, in un incontro ufficiale alla Sala Mechelli, gli stessi ragazzi hanno potuto ottenere un riconoscimento per il loro impegno nella tutela dell’ambiente. Le Guardie Zoofile, nell’autunno scorso, sono state ricevute anche al Parlamento Europeo. “È per me motivo di soddisfazione –  ha detto per l’occasione l’europarlamentare Dino Giarrusso (M5S) – aver ospitato in Parlamento Europeo il presidente di Fareambiente Bracciano Anguillara Andrea Mariani. Che le istituzioni europee siano vicine a chi difende il territorio e l’ambiente è a mio parere necessario”. Impegnati da tempo sul territorio del lago di Bracciano, le Guardie Zoofile di Fareambiente di Bracciano in questo 2024 hanno intensificato le ispezioni eseguite nei canili pubblici e in quelli convenzionati di Bracciano e Anguillara effettuando visite ispettive anche in strutture private. Tutti sono soggetti a controllo, che siano privati, enti, associazioni, appartenenti a qualsiasi sigla associativa. “Chi gestisce un canile per conto di un ente – spiegano le Guardie Zoofile – è sovvenzionato con soldi pubblici, ha quindi una convenzione da rispettare, delle norme, delle regole, dei limiti, che vanno verificate e rispettate”.