I 14 platani abbattuti a Bracciano

0
614
platani tagliati

Comitato Salviamo gli alberi del comprensorio circumlacuale.

Il progetto ” Pnrr Intervento di rigenerazione urbana lungolago G. Argenti di Bracciano” è entrato col nuovo anno nella sua fase esecutiva e all’inizio di febbraio sono stati abbattuti tutti i 14 platani della passeggiata e della piazzetta che ne definisce l’inizio.
Riveviamo e pubblichiamo
In data 17 aprile il comitato “ Salviamo gli alberi “ , dopo aver acquisito la documentazione  attraverso l’accesso agli atti presso il Comune, ha inviato al sindaco di Bracciano alcune considerazioni riguardo l’abbattimento di 14 platani sul lungolago Argenti, avvenuto nel corso dei lavori del progetto Pnrr di “ rigenerazione urbana “dello stesso Lungolago.

Le riassumiamo qui di seguito, ritenendo che debbano avere la maggior diffusione possibile. 

Gli alberi erano sani, come si deduce dalle dichiarazioni del dott. agronomo nella relazione vegetazionale. Li si dichiara sic et simpliciter non “conformi” al progetto, che, prevedendo l’abbassamento del marciapiede di 30 cm, avrebbe esposto l’apparato radicale superficiale delle piante ad una sofferenza tale da pregiudicarne la stabilità.

Dunque non era riconosciuta in essere alcuna patologia o alcun difetto di ancoraggio al suolo di questi alberi.

Di considerevole sviluppo, avendo un’età di circa 20 anni, erano ormai parte integrante della passeggiata, le loro chiome folte ed apprezzate per il ristoro dell’ombra.

La loro eliminazione non sarà compensata da una pista ciclabile, da qualche area fitness o di socializzazione, né dai nuovi alberi promessi, che, sebbene autoctoni, impiegheranno diversi anni a crescere e a fornire i servizi eco-sistemici degli alberi abbattuti.

Nel frattempo la vivibilità del lungolago, soprattutto in estate, sarà messa a dura prova: dove passeggeranno e sosteranno le persone, se non sotto il sole?  Chi se lo potrà permettere fruirà del gazebo di un ristorante; e i ciclisti? Presumibilmente stanchi e accaldati, si rinfrescheranno direttamente nel lago? 

Per integrare queste alberature nel progetto sarebbe stato sufficiente prevedere per ciascuna pianta un’area di rispetto. Come quella del magnifico e possente platano a ridosso del primo ristorante della passeggiata, al centro di un’aiuola circolare rialzata, che faceva da seduta e allo stesso tempo proteggeva le radici e la pavimentazione del marciapiede. 

Quegli alberi erano di tutti, stavano su suolo pubblico, non erano un semplice arredo urbano. Ora che si conosce appieno il valore di contrasto ai cambiamenti climatici dell’azione dei  grandi alberi men che meno si dovrebbe progettare un nuovo assetto urbano senza mirare alla loro tutela e conservazione.

La società negli anni cambia, emergono nuove sensibilità e nuove esigenze ed è intollerabile che non vengano accolte da chi lavora in rappresentanza dei cittadini. 

Bracciano, 22 aprile 2024
il comitato
Salviamo gli alberi