LADISPOLI ANCORA UNA VOLTA RICONOSCIUTA “CITTÀ CHE LEGGE”  

0
115
città che legge

“Ladispoli si conferma “Città che legge”, un premio già riconosciuto in precedenza”.

Con queste parole il sindaco Alessandro Grando ha annunciato che il “Centro per il Libro e la Lettura” (Cepell), riconosce una qualifica importante per la città di Ladispoli, che risulta essere tra le amministrazioni impegnate nello svolgimento di politiche pubbliche dedicate alla lettura e il merito di promuovere in maniera continuativa iniziative culturali dedicate al mondo del libro.

A Ladispoli la Giunta comunale aveva  già approvato il Patto per la Lettura, importante strumento di governance delle politiche di promozione del libro e della lettura.

“Con questo atto formale – specifica l’assessore alla cultura, Margherita Frappa –  l’amministrazione comunale riconosce la lettura come un valore sociale fondamentale, da sostenere attraverso un’azione coordinata e congiunta tra i soggetti pubblici e privati presenti sul territorio, con l’obiettivo di creare una rete permanente tra tutte le realtà culturali operanti nel territorio per raggiungere il maggior numero di cittadini e lavorare in sinergia per la crescita culturale, sociale e civile della comunità.  Ladispoli,  aveva già ottenuto questo prestigioso riconoscimento nel 2020, che ora è stato possibile ricevere soprattutto in virtù dell’impegno profuso dalle tante e diverse realtà attive, che vanno dalle Associazioni culturali alle scuole, e alle quali va il grande merito di aver organizzato iniziative di promozione della lettura, e alle quali non possiamo che rivolgere il più sentito ringraziamento Un ringraziamento particolare va alla nostra Biblioteca “Peppino Impastato”, per il grande lavoro svolto, che nonostante le molte difficoltà continua a offrire non solo un luogo per chi ama leggere, per chi studia, ma anche e soprattutto un punto di riferimento ai nostri ragazzi e a tutti i nostri concittadini”.