SOS stravizi feste dicembrine

0
630
Feste-dicembrine

SOS stravizi feste dicembrine

Guida di sopravvivenza allo sgarro alimentare e al vampirismo familiare

Monique Bert – Naturopata

Anche per le persone molto equilibrate, che durante l’anno riescono a controllare cibo ed emozioni, le feste rappresentano un banco di prova: siamo circondati da quantità immense di golosità e orde di parenti. Ma il dramma vero è che fra cene aziendali, feste locali (Santa Lucia il 13 dicembre) e altre ricorrenze intermedie, il mese di dicembre potrebbe farci odiare la bilancia e anche rovinare un equilibrio ormonale o emozionale faticosamente raggiunto. “Premesso che molti di noi godranno di ottima compagnia, è bene gioire del cibo delle feste, senza troppi patemi, limitando ciò che è veramente dannoso per noi. Ciascuno sa cosa lo è per sé. E se anche sbagliamo, cerchiamo di renderci conto se è semplice golosità o se abbiamo altro da compensare. Chi invece ha patologie in corso, chi è affetto da problemi di salute cronico degenerativi è bene che faccia attenzione. In tali casi, basta poco per mandare in fumo i miglioramenti ottenuti in lunghi mesi di uno stile di vita impeccabile. – afferma la naturopata Monica BertolettiNaturalmente sani, (www.food4care.it), alias Monique Bert, ideatrice del gruppo fb Medicina Evolutiva, Naturopatia e Detox e coautrice Tiroide Approccio Evolutivo, gruppo fb creato dal dr Andrea Luchi. – Coloro che invece possono concedersi qualche sgarro alimentare, è fondamentale che, poi corrano ai ripari e si depurino dalle tossine. Prendersi cura di noi stessi è una priorità, che non ammette né scuse né deroghe”.

BERE ACQUA

“Innanzitutto esiste un rimedio molto semplice: bere, bere, bere. L’acqua è fondamentale per eliminare le scorie in eccesso dovute agli stravizi e nessuna depurazione può esser davvero efficace senza una idonea idratazione”.

MOVIMENTO

“Molto importante anche muoversi. Camminare, pedalare, fare le scale. Almeno 20’/30’ nell’arco della giornata. Meglio se post prandiali, così prendiamo due piccioni con una fava: il movimento aiuta a ridurre la glicemia, i picchi insulinici e favorisce lo scioglimento del grasso, passato, presente e futuro. I complessi segnali metabolici attivati dal movimento aiutano a migliorare la forma fisica, l’umore e riducono lo stress”.

PRONTUARIO D’EMERGENZA

“Propongo anche un piccolo prontuario dello ‘sgarro’ con alcuni composti fitoterapici Labor Villa Stoddard ricordandovi che però non è opportuno assumere questi rimedi senza un parere terapeutico esperto di chi li conosce bene. Consigli per prevenire e/o attenuare sintomi gastrointestinali postprandiali durante il periodo festivo:

PRIMA DEI PASTI: 30 minuti prima: bevi mezzo litro di acqua a temperatura ambiente; *15 minuti prima dei pasti 30/40 gtt LVS 63

DURANTE I PASTI: Mastica ogni boccone almeno 30 volte, meglio 60.

DOPO I PASTI: Pasto abbondante ma equilibrato: 30/40 gtt LVS 25.

Pasto abbondante ricco di grassi: 30/40 gtt LVS 3.

Pasto ricco di carboidrati e dolciumi: combinazione 20 gtt LVS 5 e 20 gtt LVS 13

Acidità gastrica, reflusso gastroesofageo: un cucchiaio LVS 36 e dopo 15 minuti 30/40 gtt LVS 6.

Controindicazioni: chi sta seguendo regimi farmacologici per tiroide o fegato potrebbe avere problemi assumendo fitoterapici senza controllo medico e interferenze imprevedibili col farmaco, meglio consultare un terapeuta di fiducia”.

SANTOREGGIA OLIO ESSENZIALE

“Il rimedio dell’Aromaterapia che ci aiuta in caso di alito pesante, addome teso o per evitare ristagno di scorie alimentari irritanti- spiega la naturopata – è l’olio essenziale di santoreggia: attenua crampi e flatulenze e disinfetta l’intestino. Per i gonfiori addominali è sufficiente miscelare 5 gocce di olio di santoreggia in un cucchiaio di olio di mandorle dolci e massaggiarsi con questo portentoso unguento la fascia vitale, preferibilmente dopo i pasti, due volte a dì. In fase acuta di infezioni intestinali o enterocoliti o infezioni urinarie è possibile l’assunzione orale di 3 gtt in un cucchiaino olio EVO o miele”.

ANICE STELLATO

“Grande aiuto anche dall’infuso di anice stellato, io lo adoro! – afferma Monica Bertoletti – E’una spezia dall’aspetto celestiale, meravigliosamente aromatica, ha un sapore dolce fra anice e finocchio.  Risveglia i nostri sensi ricordandoci quanto è bella la Vita. E’ digestivo e calma le tensioni interne. Fate un decotto di 10’ con 4/5 stelline di anice stellato, in 500 ml di acqua, a fiamma bassa e coperto. Infusione post fiamma altri 10’.  Attenzione a non esagerare con la dose: l’anetolo ivi contenuto è una sostanza che, se assunta in piccole dosi, ha azione eupeptica, digestiva, carminativa, spasmolitica, diuretica, ma in dosi elevate può risultare lievemente eccitante del sistema nervoso centrale”.

RIMEDIO ENERGETICO VIBRAZIONALE

“Olio essenziale di Geranio: Attira a noi tutto ciò che è positivo e allontana le persone nocive per noi: 1 gtt sui polsi prima di uscire. Se incontrando qualcuno vi sentite estremamente a disagio o svuotate della vostra energia, fatelo per almeno 9 giorni e poi al bisogno. Resterete sorpresi del risultato.

E’ infatti un grande aiuto per uscire da situazioni ingarbugliate, un equilibrante energetico, antidepressivo che aiuta a creare una situazione di vita che corrisponde alla nostra natura più profonda, al nostro essere. Una volta sintonizzati su questo aspetto del vero sé, nessuno che non sia in perfetta armonia riuscirà ad avvicinarvi”.

DETOSSIFICAZIONE

“Per concludere rammento che l’anno nuovo sarà un buon momento per recuperare: depurarci e occuparci di noi stessi e del nostro benessere sia una delle priorità di gennaio! Personalmente penso che attuare un digiuno terapeutico dopo le feste sia il momento peggiore per farlo. Per svariate ragioni. Ve ne cito una: la principale. Un organismo intasato da cibi recenti, ha maggior bisogno di sostanze utili a smaltirlo che di rinuncia al cibo che metterebbe in circolo tossine recenti e antiche, senza un vero supporto emuntoriale.

E’ dunque fondamentale ricorrere ad una detossificazione di base, con rimedi ad hoc personalizzati, che consiglio di iniziare il prima possibile, perché altrimenti, specie i soggetti allergici, in primavera pagheranno lo scotto a causa delle troppe tossine accumulate in inverno.

Tra i tanti rimedi per una buona detox, c’è la PECTINA MODIFICATA a cui ho già dedicato un articolo, utilissima per liberarci dai metalli pesanti e arrivare così “puliti” al periodo della Pasqua.

Infine, la SPAZZOLATURA a secco di tutto il corpo: è un mezzo da non dimenticare mai per la detossificazione del sistema linfatico e la tonificazione di tutti gli organi”.

La moderazione a tavola è tra le migliori medicine, anche a Natale e Capodanno!