Il metano non ti dà una mano

0
938

Problemi a raffica per l’arrivo del gas
a Valcanneto, si discute sui costi di allaccio

Non si tratta di muro contro muro. Ma nemmeno di un rapporto molto amichevole. è quello che da tempo si è instaurato tra il Comune di Cerveteri ed Italgas, l’azienda che da tempo sta provvedendo alla metanizzazione della frazione di Valcanneto. Dove, nonostante gli annunci e le propalazioni di ottimismo diffusi a suo tempo dall’amministrazione, una serie di problemi stanno assillando quella che doveva essere una semplice posa di tubature per l’arrivo del metano nelle abitazioni. Una rete di circa 13 chilometri che rappresenterà un passo in avanti epocale per gli utenti di Valcanneto, finalmente collegati al gasdotto principale. Gli ostacoli sono iniziati da subito, causati principalmente da un contenzioso sorto con un fornitore di Italgas che ha costretto l’azienda stessa a sostituire in fretta e furia ben 3 chilometri di tubazione. Per ora sono una decina i km dove sono state posate le tubature del metano, l’energia azzurra è arrivate nelle case di viale Giordano, largo Vivaldi, via Vivaldi, via Albinoni, viale Pergolesi, via Leoncavallo, via Corelli, via De Cavalieri, via Pizzetti, via Viola, via Scarlatti, via Boito, Sgambati, via Toscanini, via di Ceri e via Doganale. L’inghippo è sorto quando gli utenti hanno iniziato a richiedere l’allaccio ad una delle società di distribuzione energetica presenti sul libero mercato. Accade infatti che le aziende debbano applicare il costo di allaccio offerto in sede di gara dalla società Italgas, ovvero 675 euro ad utenza. Una cifra, soprattutto di questi tempi, estremamente alta, in molti hanno preferito soprassedere temporaneamente davanti al costo di allaccio. Altri hanno segnalato come i disagi patiti dagli abitanti di Valcanneto, sballottati da mesi tra scavi, strade chiuse e ruspe al lavoro, avrebbero almeno meritano un occhio di riguardo sotto forma di sostanzioso sconto per l’allaccio alla rete del gas. Uno scenario che ha indotto l’amministrazione a convocare un incontro urgente con i dirigenti di Italgas, il confronto è stato molto serrato, ma un risultato positivo potrebbe essere imminente prima dell’arrivo dell’autunno. Almeno questo assicurano gli amministratori comunali che altrimenti sarebbero pronti ad andare allo scontro frontale con la società del gas.
“Il comune di Cerveteri – annuncia il vice sindaco Giuseppe Zito – ha più volte chiesto ad Italgas di poter rivedere i costi di allaccio. Durante l’incontro la società si è detta disponibile a venire incontro alle nostre richieste abbattendo in maniera importante i costi di allaccio, e nei prossimi giorni formalizzerà ufficialmente la sua proposta. Siamo ottimisti ma vigili, un primo segnale è arrivato dalla richiesta ufficiale di Italgas di sospendere tutte le richieste di allaccio degli utenti alle società di distribuzione energetica, in modo da consentire a tutti gli interessati di beneficiare della riduzione dei costi. Aggiorneremo i cittadini in tempo reale, è interesse dell’amministrazione dare massima diffusione agli sviluppi della trattativa con Italgas e permettere ai cittadini di Valcanneto di beneficiare delle riduzioni”.