LADISPOLI, ALBERI: UN ABBATTIMENTO INGIUSTIFICATO

0
305

Rischio di abbattimento degli alberi rimasti su via Duca Degli Abruzzi nel tratto da Piazza Vittoria a via Flavia.

Si tratta di alberi di un valore storico oltre che naturalistico che sono presenti da decenni nella via più antica di Ladispoli che oltre ad abbellire rappresentano un patrimonio naturale, prezioso anche per l’ombra che producono sempre più scarsa a Ladispoli.

Azione, Italia in Comune, Italia Viva e PSI: «Al Sindaco Grando e alla sua Giunta che spesso si è spesa – solo a parole e con annunci di cose mai fatte e alle promesse fatte e non mantenute, lo stesso Sindaco che solo il 10 Maggio del 2018 in una nota radio locale affermava CHE CON GLI SLOGAN NON SI RISOLVONO I PROBLEMI DI LADISPOLI, che in queste settimane ha parlato in diverse occasioni in favore di uno sviluppo sostenibile della città VOGLIAMO RICORDARE due cose che dovrebbero fare in questi casi:

 

1) creare iter partecipati di progettazione urbanistica che coinvolgano la cittadinanza, almeno quella più prossima alla tematica (associazioni ambientaliste, comitati di quartiere ed esperti di settore). E’ assurdo che i cittadini vengano a conoscenza di queste iniziative nell’ambito di piani di manutenzione stradale e dalla voce degli addetti all’abbattimento.

2) produrre come previsto obbligatoriamente dall’art. 3-bis, comma 2 della Legge 113/1992 emodificata dall’art 2 legge 10/2013 circa le Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani,entro 2 mesi dalla fine del mandato quello che è un documento obbligatorio per legge: il Bilancio Arboreo.

Si tratta di una normache prevede che TUTTI I COMUNI sopra i 15.000 abitanti provvedano ad indicare,per il periodo di governo, un censimento degli alberi presenti ad inizio mandato, quelli abbattuti, oltre a prevedere che per ogni bambino nato o adottato nel periodo di governo venga piantato un nuovo albero dedicato.Facciamo presente al Sindaco Grando che solo nel triennio che va dal 2018 al Luglio 2021 sono nati nel solo Comune di Ladispoli 897 bambini (dati ufficiali ISTAT) e che pertanto, in osservanza di quanto prevede la legge,sarebbero dovuti essere piantati altrettanti alberi tanti quanti sono inuovi nati.
DOVE SONO QUESTI ALBERI?
Chiediamo al Sindaco Grando, Si tratta di un obbligo normativo che il Sindaco non può far finta di non conoscere. Siamo pertanto davvero curiosi di conoscere questi numeri e se questa Giunta abbia mai rispettato un obbligo di legge che tutte le città,comprese quelle amministrate dal centrodestra (basta andare su internet), stanno rispettando».
ITALIA IN COMUNE
AZIONE ITALIA VIVA
PARTITO SOCIALISTA