Brodo di pollo, rimedio contro l’influenza. La scienza lo conferma

0
86
brodo-pollo

Brodo di pollo, rimedio contro l’influenza.
La scienza lo conferma.

Quando scienza e ‘rimedi della nonna’ vanno a braccetto: questo è il caso del brodo di pollo come rimedio contro i malanni di stagione. Secondo una ricerca dell’Università del Nebraska, infatti, il brodo di pollo è in grado di svolgere una potente azione antinfiammatoria capace di mitigare i sintomi del raffreddore e dell’influenza.

È un vero concentrato di proteine, vitamine e minerali, che rafforza il sistema immunitario, riduce le infiammazioni (anche quelle articolari) e la produzione di muco, combatte l’influenza e al tempo stesso attenua i sintomi del raffreddore. Ideale per ammalati, convalescenti, persone fortemente debilitate, in gravidanza (aiuta a costruire correttamente i tessuti fetali) e dopo il parto. Infine, se correttamente sgrassato, non contiene colesterolo ed idrata in profondità. Il procedimento per preparare il brodo di pollo è semplice, ma non deve mancare la pazienza: la cottura dura dalle 6 alle 8 ore!

Ingredienti: una gallina con tutte le zampe (o pollo da forno), 2 carote, 2 cipolle, tre coste di sedano, 2 foglie di alloro, 2 chiodi di garofano, timo e prezzemolo, un cucchiaio di aceto di mele (indispensabile per estrarre i sali minerali dalle ossa).

Procedimento: mettere tutti gli ingredienti in acqua fredda. Portare ad ebollizione, abbassare la fiamma e far sobbollire (a meno di 100gradi in modo da non spezzare la gelatina) un’ora e mezza, schiumare ripetutamente. Togliere il pollo, separare la carne dalle ossa, rimettere le ossa a sobbollire per almeno altre 5/6 ore.

Passare il brodo, lasciarlo freddare e riporre in frigo per alcune ore, finché il grasso non sia salito in superficie così da poter essere rimosso facilmente. Ciò che resta è una ‘gelatina’ che potete scaldare a fuoco basso rendendola liquida e consumare calda. Il brodo può essere conservato in frigo per una settimana. Oppure potete congelarlo in vasetti monoporzione. La carne bollita potete consumarla a pezzetti nel brodo oppure a parte con olio, sale e limone accompagnata da una salsina che potete realizzare con le stesse verdure che sono state bollite con il pollo.