«Lockdown più rischi che benefici» nuovo studio pubblicato su Lancet

0
437

“Blocchi e restrizioni incrementano infarti, ictus, cancro e depressione”.

Un recente studio sulla autorevole rivista scientifica Lancet conferma che i lockdown (o più in generale le restrizioni di qualsiasi tipo) causano ingenti danni collaterali alla salute. Incremento impressionante di malati di ictus, infarti, cancro, depressione.

Ad esempio, i ricoveri ospedalieri negli Stati Uniti per il trattamento di emergenza degli ictus ischemici acuti sono stati sostanzialmente inferiori a febbraio-marzo 2020 rispetto a febbraio-marzo 2019, con conseguente ritardo nella cura dei pazienti.

In inghilterra è stato registrato un incremento dei decessi in case di cura e ospizi per sindrome coronarica acuta (+ 41%), ictus (+ 39%) e insufficienza cardiaca (+ 25%) rispetto alla media degli anni precedenti tra Febbraio e Giugno 2020.

La situazione è simile per i pazienti con cancro. Negli ospedali tedeschi, le diagnosi precoci per cancro sono diminuite in maniera sostanziale rispetto all’efficienza del passato e a causa dello stop agli screening durante il primo blocco nazionale tra il 12 marzo e il 19 aprile 2020. I numeri sono impressionanti: -13,9% per il cancro al seno, -16,5% per il cancro della vescica, -18,4% per il cancro gastrico, -19,8% per il cancro ai polmoni, il -22,3% per il cancro al colon e-23,1% per il cancro alla prostata.

In Inghilterra, i ricoveri ospedalieri per appuntamenti chemioterapici sono diminuiti del 60% e i rinvii urgenti per la diagnosi precoce di sospetti tumori sono diminuiti del 76% rispetto ai livelli pre-COVID-19, il che potrebbe contribuire a 6270 decessi aggiuntivi entro 1 anno.

Si prevede che la diagnosi e il trattamento tardivi aumenteranno il numero di decessi fino al 5 ° anno dopo la diagnosi del 7,9–9,6% per il cancro al seno, del 15,3-16,6% per il cancro del colon-retto, 4,8-5,3 % per cancro ai polmoni e 5,8-6,0% per cancro esofageo.

SOCIALITA’, STRESS, SUICIDIO SOPRATTUTTO NEI GIOVANI

Le restrizioni dei governi stanno interrompendo i tradizionali mezzi di supporto tra amici e familiari. La distanza fisica e la riduzione del contatto causano un forte stress a molte persone e potrebbero aumentare il rischio di suicidio.

Tra il 22 aprile e l’11 maggio 2020, 795 (78,9%) su un campione di 1008 persone di età compresa tra 18 e 35 anni negli Stati Uniti sono stati riscontrati sintomi dovuti alla depressione.

Ulteriori e più forti restrizioni al contatto fisico e sociale potrebbero portare a un ulteriore aumento della prevalenza della depressione. Cosa sicuramente rilevabile in Europa che ha continuato con forti restrizioni anche nell’autunno / inverno successivo

L’articolo scientifico conclude con un appello:

“Chiediamo a tutti gli scienziati, funzionari della sanità pubblica, giornalisti e politici di soppesare e considerare i danni collaterali delle misure di controllo COVID-19 del governo e il loro effetto negativo su molti risultati di salute a breve e lungo termine. Durante il tentativo di controllare COVID-19, tutti gli aspetti della salute fisica e mentale devono essere considerati congiuntamente. Altre malattie potenzialmente letali vengono trascurate ei pazienti con queste malattie dovrebbero ricevere lo stesso trattamento medico tempestivo e appropriato dei pazienti con COVID-19.”

https://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140-6736(21)00193-8/fulltext?fbclid=IwAR0lrnTy0DCPLzO6PCXNZStfgceYyUy8o2leWnmDjHXCUookCylHDYsK3XM

Fonte: corrieredelmattino.com Lockdown. Più rischi che benefici. L’appello su Lancet a governi e media