‘Una Perla opaca che deve tornare a brillare’

0
784

Il centrosinistra punta sul dem Pietro Tidei, supportato da sei liste, per riconquistare la guida del Comune di Santa Marinella

di Alberto Sava

Pietro Tidei, nato ad Allumiere nel settembre del 1946, scende in campo come candidato sindaco di Santa Marinella, mentre all’orizzonte si profila il suo 72 esimo compleanno. Negli ultimi decenni ha ricoperto tantissimi incarichi, confermandosi quale punto di riferimento istituzionale strategico per questo territorio. Ha alle sue spalle una carriera politica assai longeva: è stato eletto alla Camera dei Deputati per due mandati. Dal 2012 al 2013 è Sindaco di Civitavecchia per un terzo mandato, dopo l’elezione del 1994 e la riconferma nel 1999. Ha iniziato la sua lunghissima carriera politica come candidato sindaco al Pincio a metà degli anni ‘90, e si accinge ad una nuova sfida come candidato sindaco di Santa Marinella nel 2018. Singolare la trama dei fatti che lo scorso anno avrebbero dovuto portare Pietro Tidei a scendere in campo contro il giovane sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci, per la sfida delle amministrative ceretane. Dopo aver ricevuto l’investitura già nel settembre del 2016 dal locale circolo Pd, guidato dal segretario Maurizio Falconi, Tidei ha dal primo momento tenuto un profilo decisamente prudente rispetto alla nettezza della scelta del circolo cerveterano. Ad onor del vero mai convinto fino in fondo del progetto, ha alternato nei mesi immediatamente precedenti alla vera e propria campagna elettorale momenti di confronto deciso con il ricandidato Pascucci, a momenti di disimpegno rispetto alle imminenti consultazioni elettorali. Tidei sciolse la lunghissima riserva rispetto all’investitura del Pd di Cerveteri, nel frattempo frantumatosi definitivamente, solo nel gennaio 2017, pronunciando un definitivo rifiuto ad una candidatura mai realmente accettata. Le speranze del Pd di Cerveteri, da un certo momento in poi oggettivamente miopi, che lo avevano portato ad un’immobile, lunga attesa, si infransero proprio su Tidei. L’epilogo è noto a tutti. Di diversa cifra, e soprattutto entusiasmo, invece, l’approccio di Pietro Tidei con la candidatura a sindaco di Santa Marinella. Senza frapporre dubbi di alcun genere, Tidei sarà certamente tra i candidati che si contenderanno la fascia di sindaco, considerando probabilmente la corsa a Santa Marinella per lui ben più congeniale e naturale. Quindi, il centrosinistra punta sul dem PietroTidei per riconquistare il Comune governato negli ultimi due mandati dal centrodestra guidato da Roberto Bacheca.Nel corso del suo incontro ufficialecon la stampa e simpatizzanti il candidato sindacoha illustrato le sue priorità per la città, spiegando di puntare su tre obiettivi strategici: rimettere in sesto il bilancio, recupero delle opere pubbliche e rifacimento di tutti gli impianti sportivi. Nel sottolineare che la sua non è la candidatura del Pd, ma di tutte le forze che formano la coalizione di centrosinistra Pietro Tideiha detto: “Santa Marinella è una Perla spenta che deve tornare a brillare. Il turismo in tutte le sue declinazioni ed i relativi progetti che si svilupperanno,anche grazie ai projectfinancing,saranno la chiave di volta per il rilancio economico della Perla, che deve vivere di turismo tutto l’anno e non solo nel corto periodo estivo. Il Comune può e deve essere volano di lavoro, obiettivo raggiungibile mettendo a sistema le tante potenzialità artistiche, culturali ed enogastronomiche, del nostro territorioabbandonate ad una produttività povera di idee, polverizzata ed opaca”. L’ex deputato ha mosso critiche molto severe all’operato del sindacouscente, dichiarando: “Questa città, sotto l’aspetto sociale è morta. I giovani se ne vanno fuori per trovare il divertimento, la cultura non ha mai trovato riscontro tra gli amministratori e da tempo edilizia, turismo e floricoltura sono in abbandono. Puntiamo a ridare lavoro, non certo con la realizzazione di nuove abitazioni che ormai non compra più nessuno, ma vanno attuati processi a favore del turismo, quali la ristrutturazione degli stabilimenti balneari, puntare sul castello di Santa Severa quale richiamo per i croceristi che scendono a Civitavecchia”. Infineha rilanciato anche un suo vecchio progetto, quello della trincea ferroviaria.Pietro Tidei ha poi annunciato che saranno sei le liste della coalizione pronte a sostenere i molti riferimenti programmatici citati quale cornice ai tre puntichiave: Partito Democratico, Socialisti, Progetto Lavoro; Gli Amici dello Sport, ‘Santa Marinella Bene Comune e Moderati Delusi dall’Amministrazione Bacheca.Sei liste ricche di volti nuovi, che per la prima volta si affacciano alla vita politica ed amministrative di Santa Marinella. Tutti pronti a scendere in campo per sostenere il vecchio leone del centrosinistra di questo territorio, che promette freschezza di idee per un programma snello da attuare con un bilancio comunale reso angusto dalle spese fisse e gravato dai debiti.