Lega e amministrazioni locali sul lago di Bracciano per l’Europa

0
59
Bordoni

Incontro a Trevignano con il candidato alle elezioni europee Davide Bordoni

Dal lago di Bracciano a Bruxelles e Strasburgo. In vista delle elezioni europee dell’8 e il 9 giugno per il rinnovo del Parlamento Europeo la Lega Salvini Premier tira le fila a sostegno della candidatura di Davide Bordoni oggi nello staff del vicepresidente del Consiglio dei Ministri e ministro delle infrastrutture. A Trevignano amministratori ed esponenti della Lega si sono incontrati per sottolineare l’importanza del voto e per ribadire gli intenti del partito che intende riscrivere i valori sui quali si fonda l’Unione Europea. Un partito che può vantare sul territorio del lago un consolidamento. Tra gli esponenti del partito infatti figurano anche Angelo Pizzigallo, sindaco di Anguillara Sabazia – presente all’incontro – che riveste inoltre l’incarico di consigliere alla Città Metropolitana di Roma Capitale. Altra figura che rappresenta la Lega di Matteo Salvini sul territorio è Catia De Carolis, presidente del Consiglio comunale di Anguillara, anch’essa intervenuta all’incontro elettorale. A fare gli onori di casa all’incontro di Trevignano Romano, organizzato dal coordinatore leghista dell’Area a Nord di Roma Marco Riezzo, è stato Massimo Riti, consigliere comunale di Trevignano. In sala anche Daniela Simeoni, anch’essa membro della massima assise comunale trevignanese. Il segretario provinciale della Lega Salvini Premier Angelo Valeriani si è mostrato entusiasta per la crescita del partito sul territorio. A supportare a Trevignano la candidatura di Bordoni anche la capogruppo della Lega Salvini Premier Laura Cartaginese.

Molti i temi in dibattito in questa campagna elettorale. “Ottanta anni fa – ha avuto modo di commentare – l’Europa riuscì a conquistare una pace duratura dopo due guerre mondiali sanguinose. Dobbiamo ripartire da lì e dalla nostra capacità negoziale per trovare soluzioni concrete alle crisi internazionali. La Lega si batte per una Europa fatta di popoli che vogliono cooperare, prosperare e vivere in pace”. Altro tema caldo i balneari. “Resteremo al fianco dei balneari” sottolinea Bordoni . “Non si può mettere a rischio decine di migliaia di imprese e centinaia di migliaia di lavoratori del settore. Da anni si cerca di far passare i balneari ma anche tassisti o agricoltori come dei privilegiati, quando invece si tratta di persone che lavorano sodo e creano ricchezza. Bisogna guardare altrove per capire quali sono i veri ceti parassitari del Paese”.