Schiamazzi notturni nel parco di via Luni

0
291

Giocare è piacevole, le notti in bianco meno. 

Siamo a Cerenova, è estate e fa caldo. Finalmente si vive all’aperto e si gioca in allegria. Non sempre però le esigenze convergono e capita dunque, non volendo, di creare disagio al prossimo.  Succede al parco comunale di Cerenova, al parco di via Luni aperto e fruibile da tutti.  Anche la sera è possibile in quanto l’area risulta essere bene illuminata e costantemente curata nell’igiene urbana. Un oasi dove i ragazzi possono giocare nei campi sportivi fino a tardi. E lo fanno. Gli abitanti dei condomini limitrofi però non sono felici di tanta disponibilità ed esprimono il loro disagio: “non riusciamo a dormire la notte, soprattutto ora che le finestre sono tenute aperte per il caldo è impossibile riposare per il tanto rumore”. Accade tutte le sere tanto da essere diventato un problema serio, con ripercussioni alla salute fisica e mentale.

Per questo motivo chiedono l’intervento dell’amministrazione comunale sperando nella regolamentazione dell’orario di ingresso al cittadino, nella chiusura notturna. “A Parco Vannini accade, l’area verde gestita dalla Protezione civile la notte è inutilizzabile, il cancello è chiuso, perché qui no?”, si domandano esasperati. Vorrebbero lo stesso per via Luni, hanno scritto alle autorità competenti e sono in attesa di una risposta, intanto confidano nella comprensione dei giovani utenti, capiscono la loro esigenza di movimento e svago, sono consapevoli del benessere che deriva dallo svolgere un’attività all’aperto, anche di quanto siano fortunati ad avere nelle vicinanze un luogo accessibile a tutti dove socializzare. Altrettanto importante è riposare bene la notte, si cerca dunque una soluzione nel rispetto di tutti. Non solo, la chiusura notturna – raccontano –  potrebbe arginare gli atti vandalici ( seppur sporadici) a cui hanno assistito negli ultimi tempi. Nei gruppi social di quartiere è stato pubblicato un video amatoriale per sollecitare un cambiamento alla situazione critica vissuta anche la scorsa estate.