Dopo la festa il Borgo San Martino già pensa al futuro

0
76
esultanza dei giocatori del Borgo San Martino al goal di Di Benedetto

E’ stata festa fino a tarda sera a Borgo San Martino per la faticosa salvezza ottenuta con la vittoria per 1-0 nello spareggio contro il Dm 84 Cerveteri. Un derby giocato sotto  una pioggia allo stadio Sale di Ladispoli, una battaglia su ogni pallone che si è protratta fino ai tempi supplementari quando una zampata del lesto Di Benedetto ha regalato la permanenza in Prima categoria ai giallo neri, sancendo la retrocessione dei cugini della Dm 84.

 

Canti e urla, i giocatori del Borgo San Martino sono saliti in cielo prima negli spogliatoi del campo di Ladispoli e poi nella festa organizzata per celebrare la vittoria nei play out.   Il presidente Sergio Lupi ha abbracciato i ragazzi, si è stretto intorno alla squadra, visibilmente provato dopo 120 minuti di una gara interminabile che ha rappresentato la fotografia nitida della tribolata stagione dei gialloneri.

“E’ fatta – dice Lupi – siamo contenti di aver raggiunto questo traguardo dopo una partita il cui risultato è stato sempre in bilico. Le due squadre hanno combattuto, non era facile sotto la pioggia giocare a ritmi elevati. Il pubblico ha assistito a una partita con molte emozioni. Ora è tempo di guardare al futuro, allestire una squadra che sia competitiva per i vertici”.

Qualcosa cambierà a Borgo San Martino, dovrebbe arrivare un allenatore di vasta esperienza, che lo scorso anno ha guidato una squadra in Eccellenza, per tentare il salto in Promozione.