Scudetto 1915 alla Lazio, appello al presidente Tavecchio

0
750

di Emiliano Foglia 

Come autore dell’opera “Lo Scudetto Spezzato” mi trovo in questo momento a dover puntualizzare alcune cose, in merito all’ingiustizia sportiva ultracentenaria subita dagli atleti della Lazio che vennero privati di una meritata Finalissima Nazionale per andare a combattere al fronte, molti dei quali non fecero più ritorno a casa.

Come autore, scrittore e giornalista rammento a tutti che la Lazio è stata l’unica squadra in quel campionato ad aver completato e vinto uno dei tre gironi (Nord, Centro e Sud) propedeutici per accedere alla Finalissima Nazionale.

L’Ortica da oltre due anni ha portato alla ribalta i fatti di quel campionato, che andiamo ancora una volta sinteticamente a raccontare:

Visto che da più parti, ispirate probabilmente da qualcuno che teme di vedere la Lazio festeggiare il sacrosanto scudetto che le fu scippato nel 1915 con la scusa della grande guerra e con l’assegnazione postuma al Genoa, si continuano a propalare inesattezze, proviamo a spiegare la realtà dei fatti.

Il campionato di calcio 1914/15 aveva un regolamento ben preciso. Per accedere alla Finalissima Nazionale bisognava aver concluso e vinto il proprio girone interregionale. I gironi erano tre: Nord, Sud e Centro. L’unica squadra ad aver concluso uno dei tre gironi fu esclusivamente la Lazio, che si aggiudicò quello Centrale. Il giornale sportivo dell’epoca chiamato L’Italia Sportiva scrisse che quel girone era concluso e vinto dalla Lazio.

Pertanto, non serve più spiegare come il girone del Sud e quello del Nord a causa di “magheggi” e dall’insorgenza del conflitto militare non vennero mai completati a differenza di quello Centrale della Lazio (chiuso e vinto).

Concludiamo dicendo, che il giorno 23 maggio 1915 con l’entrata in guerra dell’Italia, solo la Lazio si trovava più avanti di tutti per l’accesso alla finale, quindi se doveva essere assegnato uno scudetto in quella stagione non doveva essere concesso al Genoa, ma esclusivamente alla Lazio.

L’Ortica chiede al presidente Tavecchio di dare risposta nei prossimi giorni alla nostra redazione ed appassionati biancocelesti per prendere una decisione definitiva sulla questione dello scudetto 1914/15, in ossequio al parere positivo dalla commissione dei “Saggi” da lei nominata.