Sagra del Carciofo di Cerveteri, ora è tutti contro tutti

0
2561

A Cerveteri in queste ore è il putiferio. 

La notizia, diffusa in esclusiva stamane dal nostro sito, dell’annullamento della Fiera del prodotto tipico ceretano, nota come la Sagra del carciofo di Cerveteri, ha scatenato una ridda di polemiche sia in città che sui social network. Dove, tra i molti commenti, balza all’occhio quello di Dario Marasciuolo, presidente dell’Associazione Amici per Cerveteri che da mesi lavorava all’allestimento della kermesse. Ecco una sintesi del suo post.

“Siamo perplessi da questa situazione visto che la manifestazione è sempre stata a costo zero per il comune. Ogni edizione la nostra associazione ha dovuto lavorare con largo anticipo per trovare espositori e sponsor al fine di coprire le spese di corrente elettrica, pubblicità, tasse, sorveglianza e service per gli spettacoli. Abbiamo protocollato la consueta richiesta a fine dicembre, non si sono nemmeno degnati di risponderci, cancellare la Fiera del prodotto tipico significa soltanto danneggiare economicamente i commercianti che avrebbero tratto giovamento dall’arrivo di migliaia di visitatori. Siamo curiosi di sapere come spiegheranno ai cittadini questa impopolare ed immotivata decisione”.

La nostra redazione ha contattato ovviamente l’amministrazione comunale, abbiamo ottenuto le dichiarazioni dell’assessore alle attività produttive, Luciano Ridolfi, che ringraziamo per la disponibilità. Ecco le sue parole per la stampa.

“Più volte ho informalmente invitato gli organizzatori ad un incontro per sottoscrivere un protocollo di intesa che permettesse di modificare l’evento. Il comune suggeriva una fiera che caratterizzasse maggiormente i prodotti locali come carciofi, miele, olio e non fosse in prevalenza un mercatino di altro genere. Chiedevamo anche di spostare la manifestazione nel centro storico per ragioni di sicurezza e di controllo. Non abbiamo mai ottenuto una risposta, evidentemente non c’era la volontà di cambiare rotta da parte degli organizzatori”.

Che altro aggiungere? Due posizioni nettamente contrapposte, ai cittadini di Cerveteri esprimere il giudizio finale.