EFFICACIA NEGATIVA: OXFORD CONFERMA

0
279
tamponi rapidi

LO STUDIO: “TASSO PIÙ ELEVATO DI OSPEDALIZZAZIONE E MORTE PER COVID TRA I VACCINATI CON 1 O 2 DOSI RISPETTO AI NON VACCINATI”.

Tra le tante tesi che sono state diffuse come certezze e che sono state introiettate nell’immaginario collettivo come fossero sacre verità, ce n’è una che pur essendo stata smontata già nell’autunno 2021, resiste contro ogni evidenza ed è più o meno la seguente: “Se è vero che i vaccini non impediscono il contagio, però evitano ospedalizzazione e morte”. Uno studio prodotto dall’università di Oxford, Edimburgo e Swansea sull’International Journal of Epidemiology, pubblicato il 22 ottobre smentisce questa tesi.

Il documento analizza i ricoveri e le morti legate al Covid nelle popolazioni di tutta la Gran Bretagna confrontando l’impatto di una o due dosi di vaccino (AstraZeneca e Pfizer) con la restante popolazione non vaccinata nel periodo dall’8 dicembre 2020 al 30 giugno 2021. È uno studio che utilizza il modello “Target Trial” (di 12, 9 milioni di persone), un metodo di analisi dei dati che calcola quali risultati sarebbero stati trovati se ci fosse stato uno studio randomizzato completo intrapreso al lancio iniziale del vaccino, cosa che stranamente non c’è stata.

Lo studio ha rilevato che l’efficacia dei vaccini nel prevenire il ricovero e la morte è molto breve, offre un certo livello di protezione per alcune settimane dopo la loro somministrazione, per poi diventare negativa circa 60-80 giorni dopo la vaccinazione. Ciò significa che entro due o tre mesi i vaccinati – con Pfizer o AstraZeneca hanno registrato un tasso più elevato di ospedalizzazione e morte per Covid rispetto ai non vaccinati.

Fonti: Lo studio: Kerr S. et al., Waning of first- and second-dose ChAdOx1 and BNT162b2 COVID-19 vaccinations: a pooled target trial study of 12.9 million individuals in England, Northern Ireland, Scotland and Wales. International Journal of Epidemiology, 22 October 2022 https://ilsimplicissimus2.com/2022/10/29/oxford-conferma-lefficacia-negativa-dei-vaccini/