CERVETERI, IL PIANO RIFIUTI

0
362

 CONSIGLIERE COMUNALE ALESSANDRO MAGNANI: “PROGETTIAMO IL FUTURO: COMPOSTAGGIO DI COMUNITA’ E PROSSIMITA’”

Questa amministrazione, in particolare l’assessora responsabile per l’ambiente e ora candidata sindaca, si è ripetutamente vantata di aver portato la percentuale di Raccolta Differenziata a Cerveteri oltre il 75%. Un dato che dovrebbe essere valutato, però, alla luce delle Delibere dell’Autorità competente (ARERA), che stabiliscono di considerare non tanto il rifiuto raccolto ma quello effettivamente avviato al riciclo. Come sappiamo e come già avevamo evidenziato in occasione della nostra interrogazione sull’igiene urbana di qualche mese fa, la qualità del differenziato avviato agli impianti è stata invece più volte contestata dalle aziende destinatarie, causando mancati introiti per le casse comunali.

È un fatto che il Comune di Cerveteri sconti lo stesso deficit di impianti per la gestione dei rifiuti comune a tutto il Lazio, ma è un fatto anche che è l’Ente locale a dover proporre progetti che poi la Regione autorizza.

Ricordiamo qui che la Regione ha approvato, dopo diciotto anni, un Piano Rifiuti Regionale e leggi per il Compostaggio di prossimità e per il Compostaggio di comunità, per il quale ha anche stanziato dei fondi. Avviare progetti in questa direzione deve quindi essere un obiettivo primario per la prossima amministrazione.

Il Piano Rifiuti attuale presenta certamente delle criticità ma recepisce la normativa nazionale ed europea e stabilisce che l’investimento pubblico debba sostituirsi al quasi-monopolio del privato, che invece da anni fa sì che la ricerca del profitto prevalga sugli interessi comuni. Oggi, il DDL Concorrenza e le leggi di livello regionale portano la gestione dei servizi pubblici nella direzione della concentrazione in pochi soggetti economici e Cerveteri si presenta a questa sfida con un gestore rifiuti privato.

A chi ancora si illude di aver avuto una giunta “ambientalista” e “di sinistra”, ricordiamo che questa amministrazione non ha saputo né voluto contrastare l’affermazione di interessi privati laddove si sarebbe invece dovuto garantire risparmio, efficienza e maggior tutela dei lavoratori, sostenibilità e vivibilità dei luoghi. Guardate in faccia la realtà e non la propaganda, quando sarete di fronte a una scelta che riguarda il nostro presente ma soprattutto il nostro futuro.

Sono già molti i Comuni che si stanno attivando in questo senso, anche nel Lazio (nel link qui sotto trovate l’esempio di Zagarolo).

Pensate un po’, in questo caso qualcuno “l’ha già fatto prima”.

https://www.piemef.com/2022/05/27/inaugurato-il-primo-dei-tre-impianti-di-compostaggio-nel-comune-di-zagarolo/

Consigliere Comunale Alessandro Magnani

Candidato nella lista CivicaMente

della coalizione Insieme per Cerveteri – Anna Lisa Belardinelli Sindaco