Redditi bassi a Cerveteri e Ladispoli

0
1704

I dati del Ministero delle Finanze sulla distribuzione della ricchezza aprono inquietanti interrogativi sulla solidità economica del nostro litorale
di Giovanni Zucconi

Da pochi giorni sono usciti i dati del Ministero delle Finanze che illustrano la distribuzione dei redditi degli italiani in ogni comune del nostro Paese. Noi abbiamo presi in considerazione, per un’analisi un po’ più approfondita, quelli di 11 paesi del nostro comprensorio: Cerveteri, Ladispoli, Santa Marinella, Fiumicino, Tolfa, Allumiere, Manziana, Anguillara Sabazia, Trevignano, Bracciano e Civitavecchia. I numeri, come sempre, possono essere interpretati in vario modo, a seconda di come li si guarda. Ci abbiamo giocato un po’, e abbiamo ottenuto dei dati interessanti che vi vogliamo condividere. Prima di andare avanti con i numeri, vi facciamo una domanda. Secondo voi, tra gli undici paesi, quali sono quelli in cui i cittadini hanno mediamente un reddito maggiore? Io avrei sicuramente sbagliato, perché avrei detto Santa Marinella. Invece il paese più “ricco” tra quelli presi in considerazione è Trevignano Romano, con 21.802 euro pro-capite, e forse qui non ci dobbiamo stupire più di tanto, mentre il secondo è Manziana, con 21.176 euro pro-capite, e questo non l’avrei mai detto. Il più “povero”? E’ Tolfa, con un reddito medio di 16.850 euro. Tutti gli altri, naturalmente, si piazzano tra i due estremi. E’ un reddito medio buono, o ci dobbiamo considerare mediamente poveri? La risposta la possiamo avere considerando la media italiana, che è pari a 20.690 euro a testa. Per agevolare un confronto, di seguito pubblichiamo la tabellina con i dati relativi al 2015 e al 2012.

 

Comune Reddito 2015 Reddito 2012
Cerveteri  €          18.963  €          18.581
Ladispoli  €          17.245  €          16.750
Santa Marinella  €          20.613  €          20.046
Fiumicino  €          19.163  €          19.057
Tolfa  €          16.850  €          16.204
Allumiere  €          17.106  €          16.422
Manziana  €          21.176  €          20.961
Anguillara Sabazia  €          18.942  €          18.933
Trevignano  €          21.802  €          21.452
Bracciano  €          20.708  €          20.749
Civitavecchia  €          20.306  €          19.847

 

Come potete osservare ben 3 città, Trevignano, Manziana e Bracciano, hanno un valore medio superiore a quello italiano, e altre due, Civitavecchia e Santa Marinella si discostano di pochissimo. In altre parole, quasi la metà dei paesi del nostro comprensorio presi in considerazione si piazzano sopra la media nazionale, o lì vicino. Un risultato non entusiasmante, ma nemmeno pessimo. Da segnalare il risultato negativo di Cerveteri e, soprattutto di Ladispoli, che vantano, rispettivamente, un valore più basso della media nazionale del 8,35% e del 16,65%. Quello di Ladispoli è un dato, almeno per me, inaspettato, considerando che è di pochissimo superiore a quella della sicuramente più disagiata Allumiere. Cerveteri e Ladispoli, almeno sulla carta dovrebbero avere un’economia più florida. Non gli manca nulla, sempre sulla carta. Sono due città che possono contare su un turismo balneare alimentato dalla vicina Roma e, Cerveteri, è anche un sito Unesco che ha sul suo territorio la più grande area archeologica d’Europa. Sono piazzate a pochi km da Roma, e quindi il lavoro dipendente dovrebbe trovare un discreto bacino di offerta. Tutte e due possono contare su una produzione agricola non indifferente. E allora perché il reddito medio non è molto superiore a quello della non altrettanto fortunata Allumiere, che è una comunità montana con fonti di reddito sicuramente molto meno significative? E’ solo un problema statistico o denota un problema strutturale grave per le due città rivierasche?  A Cerveteri e a Ladispoli c’è una forte componente di economia sommersa (leggi non tutti pagano le tasse)? Forse anche questo. Ma il loro reddito medio è un dato che non dovrebbe fare dormire sonni tranquilli gli amministratori delle due città. A proposito delle Amministrazioni, abbiamo provato a vedere la variazione del reddito medio dal 2012, l’anno in cui si sono insediate le attuali Giunte di Ladispoli e Cerveteri. Questo per valutare, anche se molto sommariamente gli effetti delle loro politiche economiche. Dalla tabella potete vedere che a Cerveteri e a Ladispoli, rispettivamente, c’è stato un aumento del reddito medio del 2,06 e del 2,96. Incrementi che, considerando la pur minima inflazione di questi anni, denotano una sostanziale stagnazione dei redditi dal 2012. Dato che, a seconda di come lo si vuole leggere, denota che l’economia nei due paesi, pur in presenza di notevoli potenzialità, non è cresciuta quasi per niente o, se si è ottimisti, che non c’è in atto quel crollo economico che molti indicano per i nostri due paesi. Per finire soddisfiamo due curiosità statistiche. Quale è il paese italiano con il più alto reddito medio? E’ Basiglio, in provincia di Milano, che vanta ben 43.737 euro di reddito pro-capite. Il più Povero? E’ Roseto Valfortore, in provincia di Foggia, con 8.403 euro di reddito medio.