Orizzonti internazionali per gli Istituti Calamatta e Galilei

0
378

Etruria, laboratorio di incontri, eventi, idee e progetti dell’on Alessandro Battilocchio per la crescita del quadrante a nord di Roma di Alberto Sava

 Si conferma senza sosta l’impegno del deputato Alessandro Battilocchio nel coinvolgere l’Etruria ininiziative ed eventi, dentro e fuori i confini italiani. Risale solo a qualche giorno fa, su invito a Montecitorio dell’on Battilocchio,la partecipazione di una delegazione della sezione civitavecchiese Fidapaad un convegno internazionale dal titolo: ‘Il ruolo del legislatore nel raggiungimento dell’uguaglianza dii genere’. L’invito ha offerto l’opportunità di partecipare ad un confronto di orizzonte internazionale per le iscritte locali Fidapa, la Federazione nata per promuovere, coordinare e sostenere le iniziative delle donne che operano nel campo delle Arti, delle Professioni e degli Affari.All’evento, articolato in più sessioni in Senato e presso il Telefono Rosa, hanno partecipato parlamentari donne provenienti da Egitto, Giordania e Tunisia. “Le componenti della nostra delegazione -ha dichiarato la civitavecchiese Palmina Falla- hanno avuto occasione di incontrare le parlamentari dei tre Paesi ed hanno avuto un proficuo colloquio e scambio di idee”.Oggi siamo difronte ad una nuova importante iniziativa internazionale promossa per le scuole civitavecchiesi dall’on. Alessandro Battilocchio. Le dirigenti scolastiche del liceo Scientifico Galilei Maria Zeno e del tecnico Nautico Calamatta Emanuela Fanelli sono infatti partite nel weekend alla volta dell’Albania accompagnate dalle docenti Carla Melchiorri, Emanuela Merla e Nadia Ceccarelli per organizzare uno scambio tra scuole albanesi e scuole locali. Un progetto fortemente voluto dal deputato Alessandro Battilocchio che già in passato ha favorito questo tipo di relazioni culturali con Paesi europei e non solo. Nel corso della missione la delegazione(cui ha partecipato anche il Sindaco di Tolfa Luigi Landi) è stata ricevuta presso l’Ambasciata d’Italia, guidata dall’Ambasciatore Alberto Cutillo, incontrando, tra gli altri, la responsabile nazionale scuole Lucia Cucciarelli e la funzionaria Carlotta D’Amico, particolarmente entusiaste nel vedere la nascita di questo progetto-pilota. La prima scuola a gemellarsi con gli istituti civitavecchiesi sarà la scuola Rogazionista di Lezhe, fondata e gestita da un gruppo di sacerdoti italiani, guidati da Don Antonio Leuci. La scuola di altissima formazione (ha raggiunto le finali di Tolfa, come campione d’Albania, nel corso delle ultime Olimpiadi della Cultura) è stata visitata dalla delegazione che ha potuto osservare sia la parte didattica grazie alle riunioni con le docenti albanesi, sia strutturale, di grande bellezza e funzionalità “pensata più ad una creazione di una comunità che ad un luogo dove fare lezione”, come ha spiegato nel corso dell’incontro padre Antonio Leuci.Il gruppo ha soggiornato presso il centro “Laura Vicuna” di Tale, gestito dalle suore salesiane che portano avanti un lavoro straordinario con la comunità locale e che ospiteranno i ragazzi partecipanti al progetto, che saranno selezionati dalle rispettive scuole.La delegazione ha avuto anche modo di incontrare il deputato e già sindaco di Lezhe Viktor Tushaj che ha ringraziato Battilocchio per il lavoro di sinergia tra istituzioni, scuole e associazioni che già in passato ha avuto i suoi frutti ed ha garantito la massima collaborazione del Parlamento d’Albania e delle istituzioni locali.“Un progetto culturale, istituzionale e solidale davvero interessante per i nostri ragazzi che avranno l’opportunità di partire con incontri a Montecitorio, poi in Ambasciata albanese a Roma, poi presso il Parlamento a Tirana, presso la nostra Ambasciata ed infine coi loro coetanei che frequentano una delle scuole più rinomate del vicino Paese. Ringrazio le due scuole partecipanti, che hanno davvero fatto un’ottima figura in terra straniera. Allargheremo poi la rete degli istituti coinvolti per garantire ad un numero sempre maggiore di ragazzi e ragazze di vivere questa esperienza formativa internazionale” ha dichiarato al ritorno il deputato Alessandro Battilocchio, che ha lanciato questa nuova progettualità internazionale.Fonti vicine all’on Battilocchio confermano che già nuove idee, eventi e progetti di varia caratura e promozione territoriale sono in cantiere per una prossima e futura attuazione. Insomma l’Etruria vissuta come un laboratorio per progetti di varia natura e livello che mirano ad arricchire sempre questo quadrante del litorale a nord di Roma. Per chi scrive, in oltre quarant’anni di professione, è forse la prima volta che possiamo dare conto ai nostri lettori di cosa veramente vuol dire essere un politico che opera per il territorio lo ha eletto. Mai prima d’ora, ricordiamo di alcun deputato eletto in questo territorio che si sia poi adoperato per tutelarlo.