FUNGHI E BATTERI SULLE MASCHERINE

0
147
funghi

“IMMUNOCOMPROMESSI DOVREBBERO EVITARE L’USO RIPETUTO”

Uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica Nature ci rivela che le mascherine non sono dispositivi esenti da effetti collaterali. Alcuni mesi fa abbiamo segnalato uno studio che parlava di rischio di danni cognitivi causati dalle Ffp2, un altro di problemi cardiocircolatori e respiratori. Questa volta invece ciò che viene attestato è la presenza di
funghi e batteri attaccati alle mascherine. Così leggiamo nel sommario:
“Il nostro obiettivo era quantificare e identificare i batteri e i funghi che si attaccano alle maschere e indagare se i microbi attaccati alla maschera potessero essere associati ai tipi e all’uso delle maschere e agli stili di vita individuali. Abbiamo intervistato 109 volontari sull’uso della maschera e sul loro stile di vita, e coltivato batteri e funghi dal lato
della faccia o dal lato esterno delle loro maschere. Il numero delle colonie batteriche era maggiore sul lato frontale rispetto a quello esterno; il numero delle colonie fungine era inferiore sul lato frontale rispetto a quello esterno. Un utilizzo più lungo della maschera ha aumentato significativamente il numero delle colonie fungine ma non il numero delle colonie batteriche.

Sebbene la maggior parte dei microbi identificati non fossero patogeni nell’uomo: Staphylococcus epidermidis, Staphylococcus aureus e Cladosporium, abbiamo
trovato diversi microbi patogeni; Bacillus cereus, Staphylococcus saprophyticus, Aspergillus
e Microsporum. Inoltre, non abbiamo trovato associazioni di microbi attaccati alla maschera con i metodi di trasporto o gargarismi. Proponiamo che le persone immunocompromesse dovrebbero evitare l’uso ripetuto di maschere per prevenire l’infezione microbica”.

Fonte: Park, AM., Khadka, S., Sato, F. et al. Bacterial and fungal isolation from face masks under the COVID-19 pandemic. Sci Rep12,11361 (2022).  https://doi.org/10.1038/s41598-022-15409-x