Comitato Sole risponde alla Lega di Civitavecchia

0
595
biodigestore

Comitato S.O.L.E.: “La Lega ha deciso di stare dalla parte del passato?”

Rceviamo e pubblichiamo – Ci stupisce il commento della Lega sulla rinuncia di Tirreno Power a Torre Valdaliga Sud. Ci chiediamo dove viva il gruppo consiliare della Lega di Civitavecchia che sembra ignorare il grande fermento che da due anni a questa parte si è diffuso nella città: le proposte progettuali alternative all’impianto di una ennesima centrale a turbogas (Porto Bene Comune e l’annesso offshore al largo di Civitavecchia), le prese di posizione del Sindaco e dello stesso Consiglio Comunale di cui la Lega fa parte contro il gas di TVN, la richiesta dello stesso Sindaco al MISE di destinare una parte del tratto di mare davanti alla nostra costa all’offshore eolico, le dichiarazioni della Camera del Lavoro CGIL-FIOM e UIL, della CNA, di Federlazio e Legacoop a favore delle alternative al gas e dello stesso Vescovo che invoca una svolta green per il nostro territorio.
Il gruppo della Lega sbaglia quando attribuisce la politica del “non fare” a quella dei tanti comitati ed associazioni impegnate sul territorio. Se di stasi, passività e di mmobilismo vogliamo parlare le uniche che vediamo sono quelle di chi non ha alzato un dito a favore di un futuro diverso per Civitavecchia dimostrando indolente accettazione di prospettive energetiche, ormai anacronistiche.
Il Comitato Sole e tutte le altre associazioni firmatarie del Manifesto per la Città si sono schierate da subito per orientare scelte politiche e chiedere il coraggio e la lungimiranza di una svolta green per Civitavecchia.
Non siamo così sciocchi da pensare che nella transizione ecologica non ci sia bisogno ancora di gas, ma – lo abbiamo detto in tutte le salse – che, a conti fatti, sono sufficienti le attuali centrali a gas, magari con un maggiorato numero di ore di lavoro temporaneo. Noi CHIEDIAMO a tutte le forze politiche che – compresa la Lega – hanno votato in Consiglio Comunale contro i progetti di nuove centrali a gas di non retrocedere di un palmo da questa posizione nonostante gli ultimi affondi del Decreto semplificazioni con cui il Governo vorrebbe impedire alle Regioni di dire la propria a riguardo. Inoltre chiediamo a Tirreno Power, che nel suo comunicato dichiara di essere pronta a focalizzarsi sugli ambiziosi obiettivi della transizione ecologica dettata dall’ Europa, di investire insieme ad Enel, a Civitavecchia nei progetti alternativi. Mai come ora il ruolo della politica è importante.
Incoraggiamo il sindaco Tedesco a perseguire nei suoi impegni e plaudiamo la Regione Lazio che con il suo neo assessore alla Transizione Ecologica, Roberta Lombardi, sta spingendo nella direzione delle fonti rinnovabili. È solo una questione di scelta, decidere da quale PARTE STARE.

Tutte le altre proposte, sostenute dal comunicato della Lega, appaiono obsolete, neppure in grado di garantire l’occupazione in termini di quantità e qualità perché ormai lo sanno anche i bambini che i nuovi turbogas non darebbero occupazione a più di 50 unità di lavoratori. La Lega ha deciso di stare dalla parte del passato? Un altro futuro è possibile. Noi siamo per le nuove prospettive che si stanno delineando per Civitavecchia, forti della direzione che la storia ha già preso con il Next Generation EU.