“Vogliamo portare Cerveteri in Europa”

0
1234

L’assessore alle attività economiche, Luciano Ridolfi, illustra gli ambiziosi obiettivi della Consulta delle Attività ProduttiveIdee chiare ed obiettivi ambiziosi. Talmente importanti da voler centrare come obiettivo l’ingresso in Europa dell’imprenditoria di Cerveteri. Ad annunciare questo prestigioso traguardo è stato Luciano Ridolfi, assessore alle attività economiche e produttive nel corso di un incontro con  la Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa di Viterbo e Civitavecchia.

“La Consulta delle Attività Produttive – afferma Ridolfi – nasce per creare un tavolo di concertazione aperto dove la protagonista non sarà l’amministrazione, ma l’imprenditoria locale a tutto campo. Quindi tutte le attività che creano sviluppo in questo paese potranno convogliare all’interno della Consulta, un tavolo tecnico e politico che accompagnerà tutte quelle iniziative che ogni singolo imprenditore che vorrà portare a questo tavolo e che vorrà condividere sia con la parte amministrativa che con la parte degli esperti, che rappresenterà proprio la parte di accompagno verso quelle fonti di idee e di sviluppo che possono offrire le Leggi Regionali, quelle del Governo fino a raggiungere i fondi e le iniziative della Comunità Europea. Quando si fa impresa – prosegue l’assessore Ridolfi – la giornata è sempre carica di impegni e noi come amministrazione vorremmo essere da supporto reale a chi su questo territorio vuole investire realmente e vuole fare la differenza. Cerveteri è un territorio che gode di tantissime opportunità di sviluppo. L’unica cosa da fare è quella da mettersi ad un tavolo e decidere insieme che strada fare insieme. L’amministrazione cercherà di fare squadra affianco al mondo dell’imprenditoria per seguire i percorsi e le scelte da fare nel territorio, anche con il supporto tecnico della CNA, capace di trasformare un’idea in risorse necessarie per realizzare i progetti di quelle imprese o di quella rete di imprese che vogliono investire nel territorio”.

Quale il segreto per centrare l’obiettivo?

“Il percorso della consulta è fondamentale – continua Luciano Ridolfi – ma essa funziona, ha un senso, solo se c’è la partecipazione e la collaborazione di chiunque fa economia. Iscriversi è gratuito ed è uno strumento importantissimo per creare un sistema, una rete d’impresa che ci può trascinare verso l’Europa, ci può portare alla partecipazione di bandi europei sia singolarmente che su progetti condivisi. La Consulta rappresenta una vera e propria rivoluzione nel mondo del commercio locale. Assessorato e CNA ora, affiancheranno l’intero iter, dalla proposta del progetto fino all’ottenimento dei fondi, tutte quelle realtà che fanno parte della consulta delle attività produttive. Anziché dunque rivolgersi ad organismi privati, nasce un vero e proprio tavolo di lavoro dove il protagonista sarà l’imprenditore. Spero che nel prossimo incontro si possa già avere un numero di iscrizioni tale da poter avviare da subito, un percorso positivo e produttivo”.