Stazione di Ladispoli, l’ira del Codacons per le mancate risposte

0
1153

“Avevamo lanciato l’appello lo scorso settembre, ma è caduto nel vuoto. Ed è un fatto inaccettabile visto che la stazione di Ladispoli sembra essere stata dimenticata. Eppure è frequentata ogni giorno da oltre ottomila pendolari, provenienti anche da Cerveteri”.

Le parole sono del coordinatore del Codacons, Angelo Bernabei, che è tornato ad annunciare una serie di iniziative per segnalare come lo scalo di piazzale Roma da tempo versi in pessime condizioni.1

“Tralasciando le tematiche della sicurezza notturna- dice Bernabei – ci sono altri disservizi clamorosi. Come i bagni chiusi da oltre tre anni e mai riaperti, costringendo i pendolari a vagabondare alla ricerca di una toilette visto che il bar della stazione ne è sprovvisto. Un problema molto serio. E poi la scandalosa storia delle pensiline sui binari, divelte dal tornado di novembre 2016 e mai reinstallate lungo le banchine dove transitano i treni per Roma. Lasciando i pendolari alla pioggia invernale, come accaduto in questi giorni. Siamo pronti alla raccolta di firme, chiediamo la collaborazione delle amministrazioni comunali di Ladispoli e Cerveteri”.