SETTEVENE PALO, LA STRADA DELLA VERGOGNA

0
3004
settevene palo
Via Settevene Palo

L’arteria provinciale di Cerveteri è ancora chiusa e non si conosce la data dell’avvio dei lavori sulla pavimentazione stradale. Intanto questa mattina disagi anche sulla via Doganale per un incidente in cui è rimasta coinvolta una bimba. 

 

Un incidente sulla Doganale questa mattina, all’altezza di Valcanneto, frazione di Cerveteri, ha riacceso il dibattito sul Settevene Palo chiusa da quasi 2 mesi. Lo scontro frontale di questa mattina è al vaglio della polizia municipale intervenuta per i rilievi (coinvolta una bambina trasportata al Bambino Gesù di Palidoro). Il traffico è stato interrotto e inevitabilmente si è tornato a parlare della Settevene inaccessibile. Grandi disagi per gli automobilisti diretti a Bracciano. Ma a che punto sono i lavori tanto annunciati?

Prima il rafforzamento del costone tufaceo. Opera che potrebbe avvenire già entro la prossima settimana. Poi, si spera, il cantiere sulla carreggiata che dovrebbe porre fine all’odissea della Settevene Palo Nuova di Cerveteri chiusa da quasi due mesi per colpa dell’ennesima frana anche se è ancora in alto mare la riapertura della strada. Quel che è certo è che Città Metropolitana – come annunciato a metà dicembre dal vicesindaco, Teresa Zotta – per scongiurare ulteriori crolli procederà con i lavori sulla rupe di Monte Abatone addebitandoli ai privati proprietari dell’area. Lo scorso 24 novembre un masso precipitò a valle rischiando di travolgere gli automobilisti di passaggio diretti a Bracciano. Analogo scenario a settembre del 2018. I pendolari attendono con ansia notizie confortanti. In migliaia ogni giorno partono da Cerveteri e Ladispoli per raggiungere Bracciano e le altre località limitrofe utilizzando percorsi alternativi su artiere malridotte. Le ambulanze del 118 per raggiungere l’ospedale Padre Pio di Bracciano impiegano oltre 15 minuti in più da Cerveteri allungando il tragitto di ben 7 chilometri.