SEMPLICEMENTE FABIO: IL RE DELLA MOVIDA ROMANA E DEL RED CARPET SI CONFESSA

0
147
Semplicemente Fabio. Bobo

Fabio Picchioni, l’autore e produttore televisivo amato dai vip, in un’intervista senza filtri, dalle notti bianche al porno, ad un unico grande amore: Bobo

Fabio, per una volta sotto i riflettori ci sei tu. Dicci tre cose su di te

Sono un viaggiatore: ho vissuto a Rio, Londra, a Barcellona. Ladispolano di nascita, cerite di adozione, sono nato professionalmente come ballerino e dopo tanta gavetta mi sono affermato come autore e produttore televisivo. Il mio mondo è quello dei vip: da Verdone alla Nannini, a Dolcenera e a innumerevoli altri nomi, animo la movida delle notti romane e conduco “Red Carpet” su Rete Oro. Nella mia vita, un amore su tutti: quello per Bobo.

Chi è Bobo?

Bobo era il mio San Bernardo. L’ho salutato per sempre pochi mesi fa: aveva 12 anni e pesava 80 chili. Non riuscendo a conciliare la sua “ingombrante” presenza col mio lavoro all’estero, per lui sono tornato da Londra, dove vivevo per ampliare i confini della mia professione. Quella della capitale inglese è una realtà multietnica dove un lavoro come il mio viene premiato ma ha anche tante regole. Le stesse che ho poi applicato ai miei format, Bella Vita e Red Carpet, e che mi hanno permesso di crescere in un mondo particolare come quello dello spettacolo.

Semplicemente Fabio. il Re della movida romana

Cos’hanno di diverso i tuoi format?

La scuola londinese mi ha insegnato a distinguere tra divertimento e professione. Sono  rigoroso: sul lavoro non si scherza, e qualsiasi argomento può essere trattato. Da Sanremo, di cui sono inviato col mio programma, al porno. Un esempio su tutti? Malena. Non mi nascondo dietro falsi perbenismi: accetto la realtà delle persone, e non mi interessa restituire l’immagine di un mondo ideale. Forse perché amo profondamente la vita in tutte le sue sfaccettature. Nonostante l’apparente superficialità del piccolo universo che racconto, da quello vissuto dal popolo della notte a quello dello spettacolo, sono visceralmente attaccato a quello più concreto della natura in tutte le sue forme. 

Semplicemente Fabio. Intervista a Carlo Verdone

Cosa rappresenta la natura per te?

Soprattutto contatto diretto con gli animali. Amici e conoscenti bussano alla mia porta in caso di emergenza. Percorro ogni giorno i km che mi separano dalla Capitale e spessissimo mi imbatto in quegli esserini investiti dalle auto. É più forte di me:
non riesco a restare indifferente. Mi fermo sempre, se non ce l’hanno fatta li raccolgo e li sposto dal ciglio della strada in angoli in cui non possano essere martoriati oltre.
Se hanno una speranza, corro con loro dal veterinario.

Semplicemente Fabio. Autore e produttore televisivo.

Col tuo programma Bella Vita ci appassioni anche alla musica. Tu cosa ascolti?

Un nome su tutti: i Queen. Credo che Freddie Mercury non sia stato solo un cantante, un personaggio forte e istrionico. La sua vita è stata segnata da eventi 
particolari. Nato in una famiglia sfuggita alla guerra, è riuscito a emanciparsi dalla sua condizione di immigrato, come anche tanti italiani sono stati e continuano a essere, coi risultati che conosciamo.