ROMA: VIA MARGUTTA, LA VIA DELLE ARTI

0
489
via

RIONE CAMPO MARZIO INCORPORA ARTE E CULTURA.

Ogni angolo e via di Roma sono pieni di storia e magia, in particolare via Margutta, vicino Piazza di Spagna e Piazza del Popolo, nel rione Campo Marzio.                                                                                                         Passeggiando per questa strada si percepisce una magica atmosfera che, come è capitato per altre storiche vie della città, va sicuramente difesa dal dinamismo crescente, dovuto ad esempio alle aperture della metro di piazza di Spagna che collega numerosi quartieri di Roma alla zona centrale; questo porta alla chiusura di negozi storici, soprattutto di antiquariato, e all’apertura di attività commerciali che stonano con la storica via, una richiesta che si trova ad accontentare un tipo di domanda che non rispecchia più la tradizione.

L’etimologia del nome “Margutta” ha un’origine molto incerta: forse deriva dal termine popolare “Marisgutia” (“gocce di mare”): il significato sembra essere una sorta di scherno, riferendosi alla cloaca a cielo aperto che scendeva verso il Tevere, altri credono che derivi dal nome di un barbiere che alloggiava e aveva la sua bottega in quella strada, di nome Giovanni, ma conosciuto da tutti come “Margutte” o “Margut”.                                                                                                                                                                                      Prima di essere l’esclusiva e suggestiva strada che tutti conosciamo, in tempi antichi non era altro che una via destinata a conservare magazzini e scuderie, proprio dietro l’altrettanto nota via del Babuino. Addirittura, fino al 1600, ha portato il nome di via Nari, nome di un’importante famiglia che possedeva, molti terreni in quella zona.                                                                                                                                                                             Via Margutta ha visto nascere ed evolversi gli studi di numerosi  intellettuali, attori e artisti di ogni genere: perfino Picasso si è trovato a dipingere in uno dei punti della via, in cui i maestri creavano grazie alla sua tranquillità e serenità, nonostante la sua centralissima posizione. Come recita la canzone del cantante Luca Barbarossa “ […] vedessi come è bello il cielo a via Margutta questa sera, a guardarlo adesso non sembra vero che sia lo stesso cielo dei bombardamenti, dei pittori, dei giovani poeti e dei loro amori […]

Una targa importante è affissa lungo la via con su inciso il nome di uno dei migliori registi, sceneggiatori e scrittori della storia italiana, Federico Fellini, che ha vissuto nella sua amata via Margutta, con la moglie, durante gli ultimi venticinque anni della sua vita. Ricordato da tutti gli abitanti con affetto e nostalgia, anche per le sue stravaganze, una delle quali bere vino in una teiera.                                                                                                                                                            Al numero civico 33, troviamo il noto balconcino della casa che compare nella pellicola “Vacanze romane”, con Audrey Hepburn (1953, diretto da William Wyler), diventando uno dei soppalchi più famosi al mondo.  

Impossibile non fermasi di fronte alla storica Fontana degli artisti, realizzata da Pietro Lombardi nel 1927: tema centrale della scultura naturalmente è l’arte, una sorta di piramide, con base triangolare, che sulla cima sostiene un secchiello ricolmo di pennelli e arricchita da due volti, due maschere, da cui fuoriesce il getto dell’acqua.                                                                                                                                                                            Una delle strade più belle conosciute al mondo, nonostante oggi soffra per numerosi necessità e abbia bisogno di più controlli e manutenzione, rimane sempre una delle vie più suggestive al mondo .

Una passeggiata per questa via fa in modo di ricordare che esistono ancora l’arte e gli artisti, in ogni loro forma.

Una delle botteghe più storiche e antiche di Roma è la bottega del Marmoraro è, in cui il titolare Fiorentini ha inciso storiche frasi di una poesia di Checco Durante ( 1893-1976), simbolo della romanità sincera e semplice, intitolata “a chi vojo bene” .

La magia e l’unicità della strada è nelle sue sembianze di piccolo paese, in cui gli artigiani vanno a lavorare ogni giorno con il sorriso. Una via che rimane viva negli anni nutrendosi sempre di nuove arti.

Flavia De Michetti