ANGUILLARA, GLI ALBERI CONTRO LA VIOLENZA

0
128
anguillara

Domenica 24 novembre: ulivo e ciliegio giapponese piantati in città per dire ‘no’ alla violenza di genere.

Il 25 novembre si celebra la Giornata Internazionale per l’eliminazione della Violenza Contro le Donne, istituita per sensibilizzare l’opinione pubblica contro le discriminazioni subite dalle donne e per le gravi disuguaglianze tra uomo e donna.
Ponton dell’Elce si tinge di rosso e l’associazione “Diritti Cittadinanza del Lago” celebra la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne”, che si terrà domenica 24 novembre alle ore 15,30, alla presenza di figure istituzionali di Anguillara, con lo scopo di rendere tutti più consapevoli, coscienti e partecipi al problema e alle tante situazioni per affrontare il tema della “violenza rosa”, pianterà alcuni alberi nel giardino della piazza in largo delle Palme.

L’associazione ha acquistato con i proventi della festa “I Love Campagna Anguillarina”, realizzata recentemente nel quartiere, due alberi di tipologia ‘ciliegio giapponese’, l’inconfondibile albero orientale che vanta provenienza esclusiva dal continente asiatico ed è molto apprezzate in tutto il mondo per le mirabili infiorescenze di colore rosa. Verranno piantati anche diversi alberi di ulivo, donate per l’occasione dall’amministrazione comunale di Anguillara. Gli alberi sono stati consegnati al comune dall’associazione K.K.L, ovvero Keren Kayemeth LeIsrael Italia Onlus, la più antica organizzazione ecologica al mondo.

Fondata nel 1901, da oltre un secolo opera a beneficio dello sviluppo, è leader nello sviluppo di tecnologie e competenze in molteplici settori: agricoltura, ricerca scientifica, lotta alla desertificazione, trattamento delle risorse idriche. Obiettivo di questa l’iniziativa, promossa da Simonetta D’Onofrio e Patrizia D’Andrea, che consegneranno gli alberi in una cerimonia pubblica, è ribadire la necessità e l’ urgenza di misure di contrasto a un fenomeno così grave e testimonianza  della loro vicinanza a tutte le vittime di violenza.