ALLA PRESENTAZIONE  DELLA FESTA DELLA MUSICA 2018  L’ESORDIO DEL NUOVO MINISTRO DEI BENI CULTURALI E  DEL TURISMO  ALBERTO BONISOLI

0
230

di  Arnaldo Gioacchini *

Si è tenuta al MiBACT  presso la Sala Spadolini l’ affollata conferenza stampa di presentazione della Festa della Musica che si terrà il 21 Giugno, dal nord al sud Italia, in vari e variegati ambiti della nostra penisola. L’evento ha veduto, nell’occasione, l’esordio del nuovo Ministro dei Beni Culturali e del Turismo prof. Alberto Bonisoli che, dopo molti rappresentanti di vari enti ed associazioni , con il suo intervento finale  ha chiuso l’incontro con i giornalisti ed i vari “addetti ai lavori” presenti, i quali, in numero davvero ragguardevole, hanno saturato i posti seduti e quelli in piedi della Sala che precedentemente era dedicata al re Vittorio Emanuele II °. La conferenza stampa, molto espositiva ed articolata anche con varie immagini, ha veduto pure le applauditissime esibizioni, su due tavole lignee stese all’uopo sopra il mosaico sottostante, di due bravissimi giovani campioni di tip tap  e di due altrettanto bravi suonatori di sax e tromba. Fra i tanti interventi effettuati è da rilevare quello del conosciutissimo Maestro Ezio Bosso che, fra l’altro, ha dichiarato: “La musica è un valore, come disse Claudio Abbado la musica ci salva la vita. È un collante che migliora la nostra esistenza, il fondamento che migliora la società perché attraverso l’emozione ci spinge a evolvere”. La Festa della Musica 2018 il prossimo 21 giugno coinvolgerà 9.000 musicisti in oltre 600 città italiane con concerti nelle piazze, nelle strade, nei parchi e luoghi d’eccezione tra cui 44 siti culturali del MiBACT, 31 istituti di cultura italiana all’estero, 23 carceri, 22 aeroporti e numerosi ospedali, oltre ad alcune centinaia di eventi musicali organizzati dalle Pro Loco d’Italia (che sono oltre 6300) a cui si aggiungono 250 concerti che si terranno nei punti vendita Carrefour di tutto il Paese. “Fare un concerto con i giovani – ha proseguito poi il Maestro Bosso, che il 21 giugno dirigerà l’Orchestra Giovanile Italiana della Scuola di Musica di Fiesole nell’esecuzione della V sinfonia e dell’Inno alla Gioia di Beethoven – è farlo con la società ideale. Spero che serva come stimolo a lavorare all’unisono per tutelare quel patrimonio salvaguardato dall’articolo 9 della Costituzione che è meraviglioso e mette insieme il paesaggio e il suono delle persone”. Ben centrato pure il “cuore” dell’ intervento del Ministro: “La Festa della musica è meritoria perché interessa ogni genere musicale, mette a sistema i diversi attori del settore coinvolgendo chi crea, produce, interpreta la musica e ne tutela i diritti, offre ai giovani l’opportunità di far valere il proprio talento e entra nei luoghi in cui c’è disagio sociale, come carceri e ospedali, offrendo uno strumento importante di elevazione”. Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Alberto Bonisoli, che ha concluso accogliendo l’invito del Maestro Bosso: “Nel trasformare i principi dell’articolo 9 in azione politica c’è sempre bisogno di una voce critica che ci aiuti a farlo al meglio. In questo Bosso è insuperabile e spero possa contribuire come sa”. Un anteprima del tutto si terrà a Palermo, ove il 16 Giugno p.v. saranno impegnati ben 1.000 giovani (dal pomeriggio fino a sera inoltrata) in varie importanti realtà territoriali della “capitale” siciliana. Vi è, fra l’altro, da ricordare come il 2018 sia l’Anno Europeo del Patrimonio Culturale e come la nostra Festa della Musica 2018 (una più che eccellente idea tutta italiana) a ciò si ricolleghi ed in esso si inserisca ottimamente. Molto coinvolgenti le parole espresse sempre dal formidabile Maestro Ezio Bosso che è il testimonial dell’evento: “ La musica è la vita per me … e quel giorno festeggiamo la vita, riempiamo le piazze, riempiamo i teatri, riempiamoci di musica, di vita, di gioia, di pace”. Che la Musica sia, sempre, un vero e proprio  Inno alla Gioia, che lega Paesi e Popoli  magari tanto differenti fra di loro, è un innegabile dato di fatto, come è un dato di fatto incontrovertibile, calendario alla mano, che la Festa della Musica 2018 coincida con il giorno del Solstizio d’Estate che è un altro (internazionalmente riconosciuto e festeggiato, in moltissimi ambiti ed in vario modo, in tanti continenti secondo le varie, tutte rispettabilissime, Culture)  vero e proprio Inno alla Vita.

* Membro del Comitato Tecnico Scientifico dell’Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale UNESCO