SKATEMANIA: MA DOVE?

0
109
skatepark

LO STATO ATTUALE DELLO SKATEPARK DI MARINA DI SAN NICOLA.
LE AREE DI RITROVO. IL PARERE DEI GIOVANI. I PROGETTI FUTURI.

di Alfonso Lustrino

Ad Ostia è stato recentemente inaugurato uno skatepark di altissimo livello, uno dei più grandi e all’avanguardia d’Europa. Anche a Ladispoli negli ultimi tempi ha preso piede la moda dello skateboard, ma i giovani faticano a trovare spazi dove praticare questa affascinante disciplina. Se clicchiamo su google “skatepark Ladispoli” leggiamo: “Via Aurelia – Marina di San Nicola. Area adibita esclusivamente allo skateboarding. Il park e sempre aperto, non si paga per entrare.
”Allora siamo andati sul posto a visionare l’area e constatiamo che la struttura è in condizioni pessime: rampe rotte, erba alta, rifiuti di ogni genere, illuminazione non funzionante. Lo skatepark è stato inaugurato il 22 aprile 2012. L’allora assessore allo Sport Pietro Ascani dichiarava: “Finalmente i nostri ragazzi avranno uno spazio idoneo e sicuro, separato dalla viabilità ordinaria dove poter praticare lo skate”.
L’assessore ai Lavori pubblici di allora, Nicola Moschetta, affermava: “Considerate le caratteristiche dell’area, connotata da un forte carattere verde, si è deciso di dare importanza anche all’inserimento paesaggistico dello skatepark nell’ambiente circostante”.

Da noi interpellato, oggi Moschetta ci risponde: “Purtroppo l’area pecca un po’ di manutenzione, ma quando si ricordano di tagliare l’erba vedo che comunque è utilizzata”. Ci dicono che l’area risulta in gestione all’associazione sportiva Metamorfosi, allora contattiamo direttamente il presidente, Mauro Feroci.
“Sign. Feroci, lo skatepark di San Nicola risulta gestito dalla vostra Associazione, ma versa in condizioni tutt’altro che buone, come mai?” “Il progetto nasce sotto proposta della nostra Associazione per promuovere uno sport che oggi è tra quelli inclusi nelle Olimpiadi. Chi pensa che la nostra associazione abbia goduto per un determinato periodo della gestione dello skatepark è male informato. Il Comune di Ladispoli non ha mai bandito una vera e propria gestione dell’impianto che è stato, in un certo senso, “affidato” alla collettività come ogni altro bene pubblico. Personalmente ho portato a mie spese (a parte qualche struttura donata da privati) alcune strutture e ho tagliato l’erba. Al Comune ho richiesto e ottenuto l’allaccio ad acqua e luce.”
Il 21 ottobre 2016 i ragazzi che frequentavano la pista di Marina di San Nicola presentarono una proposta all’amministrazione comunale: intestare a Daniele Nica (loro amico morto in un incidente stradale), lo Skate Park di Marina di San Nicola. Daniele era molto legato alla pratica dello skate e all’area in questione, dove si riuniva spesso con i suoi amici.

Due anni fa una petizione richiedeva l’intervento da parte del Comune: “I lampioni sono rotti; una rampa è pericolante; ci sono nidi di vespe; diverse strutture presentano parti in ferro arrugginito; l’erba è alta; manca una fontanella”. Evidentemente l’iniziativa non ha sortito effetti. Veniamo a sapere che a Piazza Almirante si riunisce un gruppo di giovani skater e ne approfittiamo per far loro qualche domanda. A rispondere è Mario, uno dei primi ad avvicinarsi alla pratica dello skateboard tra i suoi coetanei.
Come mai questa improvvisa moda? Non so quando mi è venuta la voglia, ma da quando sono salito sul mio primo skate non riesco più a farne a meno. Dopo poco anche i miei amici si sono appassionati.
Perché vi riunite proprio qui? E’ l’unico posto dov’è possibile allenarsi. Lo skatepark di San Nicola è lontano e in cattivo stato.
Cosa chiedereste al Sindaco? Semplicemente uno spazio dove poter praticare questa bellissima disciplina. Almeno è un’alternativa alla play. A questo punto decidiamo di contattare direttamente l’Assessore ai lavori pubblici Veronica De Santis, la quale ci risponde: “Per l’area in oggetto è stata programmata l’operazione di sfalcio delle infestanti; al momento però, il nostro Ente non dispone di risorse economiche per far fronte ad interventi di manutenzione straordinaria.”

Dopo alcuni giorni dalla nostra domanda viene mandata una squadra a tagliare l’erba. Alla nostra domanda sul progetto per la costruzione di un impianto sportivo all’aperto in zona Cerreto con all’interno uno skatepark, ci risponde: “Il bando «Sport e Periferie 2020» per il quale il Comune ha elaborato il Progetto “LadisPOLI-POLIsport” (elaborati visibili al seguente link: http://89.97.181.229/web/trasparenza/storico-atti/-/papca/display/44098?p_auth=1WN4l2Om) è di competenza Ministeriale, quindi siamo in attesa del pronunciamento degli uffici di Governo. Si tratta di un progetto ambizioso che consentirà da un lato la riqualificazione di un’area periferica, ma soprattutto darà la possibilità ai cittadini di praticare diversi sport, con abbondanza di attrezzature sportive all’aperto, fra cuianche uno skate park; al momento siamo in attesa della formalizzazione della graduatoria.”
In conclusione: lo skatepark di San Nicola, nato con i soldi pubblici sotto la precedente amministrazione e gestito da quella attuale, è in stato di abbandono. Perfetta rappresentazione del fallimento della politica e del disinteresse della cittadinanza. Una classica storia italiana. Una classica storia ladispolana.