Sebastian Rushworth: “La fine della pandemia è in vista”

0
226

Covid-Mania: una riflessione del noto medico svedese

Sebastian Rushworth è un medico svedese, molto rigoroso e informato nelle sue analisi che pubblica sul sito https://sebastianrushworth.com, una miniera di informazioni su tanti aspetti della medicina pratica che riguardano tutti noi. Rushworth si è occupato più volte di Covid andando ad esaminare su basi quantitative le affermazioni ufficiali. In questo recente articolo, fa una riflessione sulla situazione, notando un certo numero di cose che non si possono normalmente dire nel dibattito generale, ma che dovrebbero essere discusse perché hanno una base scientifica importante. Per esempio la questione dell’immunità di gregge, l’effetto della stagionalità, cosa effettivamente causa le mutazioni, e la possibile sottovalutazione degli effetti collaterali dei vaccini. Per fortuna, conclude su una nota ottimistica: La fine della pandemia è in vista! (Ugo Bardi)

Una Riflessione sulla Mania del Covid

Di Sebastian Rushworth, dottore in medicina

Traduzione di Ugo Bardi

https://sebastianrushworth.com/2021/09/23/a-reflection-on-covid-mania/

All’inizio di quest’anno ho scritto di come i governi del mondo avessero creato uno stato di isteria collettiva così intenso che l’unico modo per tirarsi fuori dal buco che avevano fatto era con una bacchetta magica. Quella bacchetta magica erano, ovviamente, i vaccini. Ho scritto che non importava quanto fossero efficaci i vaccini nel mondo reale o se impedissero la trasmissione. Tutto ciò che importava era convincere ogni singola persona del pianeta a prendere il vaccino, dopo di che i politici avrebbero potuto dichiarare vittoria.

Sono passati otto mesi e possiamo concludere che la previsione si è avverata. In molti paesi occidentali, oltre il 70 percento della popolazione adulta è ora vaccinata. Nella prima parte di quest’anno, i ricoveri e i decessi hanno iniziato a diminuire, e sono rimasti bassi per tutta l’estate. La spiegazione conveniente all’epoca era che ciò fosse dovuto ai vaccini, anche se il calo è iniziato in un momento in cui erano pochissime le persone vaccinate: la riduzione era chiaramente guidata da qualcos’altro. La mia ipotesi è che fosse dovuto all’insorgenza dell’immunità di gregge al ceppo covid originale. Il declino è stato temporaneamente interrotto a causa dell’arrivo del ceppo alfa più infettivo (che ha innalzato la soglia di immunità di gregge a causa della sua maggiore infettività), ma è stato rapidamente seguito da una continua tendenza al ribasso poiché la popolazione ha raggiunto l’immunità di gregge anche a quel ceppo più infettivo. Questo è stato aiutato in parte, forse, dai vaccini, e poi aiutato ancora di più dall’arrivo dell’estate e dall’effetto della stagionalità.

Con l’arrivo dell’autunno, casi e decessi hanno ricominciato a salire in molte località, in parte per l’effetto stagionale, e in parte, probabilmente, per l’arrivo della variante delta ancora più infettiva (che alza la soglia di immunità di gregge ancora di più). Nella narrativa ufficiale, l’aumento dei casi e dei decessi è attribuito ai non vaccinati, che presumibilmente stanno guidando lo sviluppo di varianti resistenti ai vaccini. È vero che i non vaccinati hanno maggiori probabilità di finire in ospedale con il covid rispetto ai vaccinati: il vaccino offre protezione contro il covid, dopotutto. Ma non è vero che i non vaccinati stanno guidando la resistenza ai vaccini.

Sembra che i medici e gli “esperti” che compaiono in tv e che guidano le politiche pubbliche abbiano completamente dimenticato come funziona l’evoluzione. Prendiamo i batteri come analogia. I batteri sviluppano resistenza agli antibiotici quando usiamo gli antibiotici troppo generosamente. L’uso indiscriminato di antibiotici esercita una pressione evolutiva sui batteri affinché sviluppino resistenza, poiché è l’unico modo in cui possono sopravvivere nell’ambiente saturo di antibiotici. Eppure, ora, dovremmo credere che sia vero il contrario per i virus: a quanto pare sviluppano resistenza quando sottoutilizziamo i vaccini! All’improvviso dovremmo credere che l’alto sia il basso e il basso sia l’alto.

Proprio come con i batteri e gli antibiotici, la resistenza ai vaccini si svilupperà in una situazione in cui i vaccini vengono abusati: se si vaccina un gran numero di giovani sani che non hanno realmente bisogno di essere vaccinati, si esercita una forte pressione evolutiva sul virus per diventare resistente ai vaccini. Forse questo potrebbe essere evitato in uno scenario immaginario in cui puoi vaccinare ogni singola persona sul pianeta nello stesso giorno, fermando così completamente il virus. Ma non è realistico. Ci sono voluti sei mesi o più per arrivare al 70% vaccinato nella maggior parte dei paesi, il che ha dato al virus un sacco di tempo per mutare in risposta alla pressione evolutiva dei vaccini. Se avessimo continuato a vaccinare solo gli anziani e altri gruppi a rischio, allora non avremmo esercitato tanta pressione evolutiva sul virus per sviluppare resistenza ai vaccini, e i vaccini avrebbero potuto essere più efficaci più a lungo.

Dopo un anno di grande paura da parte dei governi e dei media, sarebbe stato impossibile non offrire il vaccino a tutti coloro che lo volevano. Anche chi non era a rischio credeva di essere in pericolo e chiedeva il vaccino. Quindi ci sarebbe sempre stata una massiccia diffusione del vaccino. Ma non era abbastanza. Perché non poteva essere. La logica creata dalla narrativa della “pandemia mortale” richiede che ogni singola persona viva sia vaccinata. Questo è il motivo per cui non vengono riconosciuti gli effetti della stagionalità o il fatto che l’infezione pregressa fornisca un livello di protezione alla nuova infezione che sia almeno altrettanto buono di quello fornito dalla vaccinazione.

Ora vediamo un’ossessione per la vaccinazione di tutti che può essere descritta solo come patologica. Il tono assunto nei confronti di quelle persone che finora hanno scelto di non farsi vaccinare è dispregiativo e disumano all’estremo. Sono descritti come “anti-vaxxer”, pazzoidi che portano cappelli di stagnola e irresponsabili “assassini delle nonne”. Non viene fatto nessuno sforzo per ascoltare le loro vere argomentazioni, come ad esempio che il vaccino non ha dimostrato di essere meno rischioso della malattia per i giovani sani, o che è difficile fidarsi dei dati delle aziende farmaceutiche e dei regolatori dei farmaci quando sono stati ripetutamente sorpresi a mentire e nascondere dati in passato, o che il vaccino ha ancora solo un anno e non ci sono dati di follow-up a lungo termine. Questi argomenti molto validi sono descritti come ridicoli, stravaganti e stupidi, quando sono tutt’altro.

Peter Goetzche ha sostenuto nel suo libro, “Medicinali mortali e crimine organizzato”, che nessuno dovrebbe assumere un nuovo farmaco che è sul mercato da meno di sette anni, alla luce del fatto che spesso ci vuole così tanto tempo prima che i pericoli diventino farmaci noti e pericolosi da ritirare dal mercato. Negli ultimi mesi, abbiamo appreso che il vaccino Astra-Zeneca può causare coaguli di sangue mortali nel cervello e abbiamo appreso che i vaccini Pfizer e Moderna possono causare miocardite. Le autorità affermano che questi eventi sono estremamente rari, in base al numero di eventi segnalati alle autorità. Ma questo ignora il fatto che la maggior parte degli eventi avversi non viene segnalata.

Nelle ultime settimane, ho visto personalmente diversi casi di miocardite che si sono verificati giorni dopo la vaccinazione. Quando ho suggerito ai colleghi che avremmo dovuto segnalarli alle autorità come possibili effetti collaterali del vaccino, la risposta che ho ricevuto è stata più o meno questa: “oh, sì, forse è una buona idea … ma non lo so come farlo”. Ho segnalato i casi che ho gestito personalmente, ma la mia ipotesi, basata su questa reazione, è che la maggior parte degli altri casi non sia stata segnalata. Ovviamente, se ritieni che ciò che viene effettivamente riportato sia una stima accurata della realtà, sottovaluterai grossolanamente il tasso di casi.

È difficile mantenere la fede nella scienza quando è così volontariamente distorta per accordarsi con un’agenda politica, e quando molti medici e scienziati seguono così felicemente ciò che viene tramandato dall’alto. Di recente ho appreso che un eccellente studio sui vaccini covid, condotto presso un prestigioso istituto, ha passato mesi a cercare di essere pubblicato su una rivista peer-reviewed, ma la pubblicazione è stata ripetutamente negata, perché i risultati non sono in linea con il dogma ufficiale. Chiaramente, le riviste si stanno impegnando in una censura politicamente motivata. Quando questo è il caso, la peer-review diventa un processo dannoso, il cui unico scopo è determinare l’accettabilità politica della ricerca, non la sua qualità o utilità. Diventa impossibile per il laico, e anche per i medici e gli scienziati, sapere qual è la verità, perché le verità scomode rimangono sepolte o rimangono nella fase di preprint, il che rende fin troppo facile respingerle – “Oh, questo è solo un preprint, non è stata sottoposta a peer-review”. Questo è il mondo in cui viviamo.

Concluderò con una nota positiva però. La variante delta ha devastato l’India in pochi mesi in primavera e la popolazione è passata dal 20% al 70% con gli anticorpi. Il 50% della popolazione è stata infettata in un periodo di due mesi. Non è questa la parte positiva, questa è: da allora i tassi di casi sono rimasti bassi, anche quando è arrivato l’autunno. Ciò nonostante il fatto che attualmente solo il 15% circa della popolazione sia stato vaccinato. Sembrerebbe che il paese sia arrivato al punto dell’immunità di gregge. E ci sono voluti solo pochi mesi per arrivarci, a causa dell’incredibile contagiosità della variante delta.

L’idea che l’immunità di gregge possa essere raggiunta solo con i vaccini è forse l’idea più ridicola che sia stata pesantemente promulgata durante la pandemia, almeno per tutti coloro che hanno anche una piccola conoscenza dell’immunologia e della storia. A diciotto mesi dall’inizio della pandemia, la maggior parte dei paesi è al limite o al limite dell’immunità di gregge, indipendentemente da quanto siano stati efficaci nel vaccinare le proprie popolazioni. Non c’è bisogno di costringere il restante 15-30% della popolazione a prendere un vaccino che non vuole. La fine della pandemia è in vista.

 

Fonte: https://www.theunconditionalblog.com/