Santa Marinella, consigliere Ricci: priorità

0
500
scuola

“Santa Marinella: la dice lunga il fatto che siano i componenti della stessa maggioranza in questi giorni ad evidenziare qualcosa che a mio avviso si commentava da solo: quanto sia inopportuna la scelta da parte dell’Amministrazione Comunale di avviare o solo pensare, nella situazione attuale, a procedure di project financing.

Mi ero ripromesso di evitare polemiche, interrogazioni e politica in questo periodo, perché in una fase di emergenza come quella che stiamo vivendo, l’unica discussione che apprezzo è quella relativa al come metterci tutti a disposizione della comunità, come tradurre in atti pratici ed utili il comune senso civico e di responsabilità.

Alla Città serve ben altro adesso, dalla piena emergenza sanitaria emerge ogni giorno di più il terrore di quella economica, facendo mancare ossigeno: servono risposte immediate a tutti i livelli e subito soldi alle famiglie. Gli ordini professionali dicono che la scadenza del 15 aprile(che già sarebbe tardi) per il pagamento della cassa integrazione è impraticabile, un miraggio purtroppo e la tragedia della mancanza di liquidità colpirà i lavoratori dipendenti così come gli autonomi ed i professionisti.

Non è quindi il momento di giocare partite politiche, non di parlare di pareggi di bilanciomolto pochi credo apprezzino di entrare in argomento parcheggi blu(se non per sospenderne semmai il pagamento), o di dibattere sul tema PASSEGGIATA”. Abbiamo tutti le nostre idee e convinzioni in merito e un domani, nel post crisi, saremo pronti  a discuterne con la maggioranza anche in termini propositivi; ma se membri ed assessori della maggioranza non sono nemmeno  al corrente di quanto l’Amministrazione stia facendo, viene facile pensare quale considerazione potrà essere concessa alla minoranza ed al suo contributo.

Il sottoscritto rimane comunque sempre disponibile, soprattutto per affrontare uniti questa terribile situazione, anche alla luce del fatto che qualcosa si è mosso dal Governo ed attendiamo gli sviluppi operativi. Il Presidente del Consiglio ha promesso che arriveranno nelle casse comunali, con tempi che mi auguro velocissimi, dei fondi destinati a  generi alimentari per le persone in difficoltà. Purtroppo saranno gocce in un mare in tempesta, briciole rispetto alle necessità ma pur sempre qualcosa.

Come Consigliere Comunale resto a disposizione dell’Amministrazione e dei cittadini per quel che possa servire anche nelle prime valutazioni per la distribuzione del reddito di emergenza o per la raccolta e la distribuzione dei generi di prima necessità e mi auspico che l’individuazione delle situazioni di reale bisogno non sia limitata a quelle già preesistenti e note ma che possa estendersi ed andare a sostenere le famiglie colpite esclusivamente dalle conseguenze del virus ed assenti dalle liste. Chiedo al Sindaco che modalità abbia pensato per procedere in tal senso, non possiamo dimenticare nessuno”.

Bruno Ricci