Rapporto 2020 su povertà ed esclusione sociale in Italia

0
128
povertà

Caritas Italiana pubblica il Rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia, in occasione della Giornata mondiale di contrasto alla povertà, il 17 ottobre. Dal documento emerge che il 52% dei nuclei familiari del nostro Paese  si è rivolto alla Caritas, un anno prima erano il 47,9. Un dato prevedibile e conseguente alla crisi sanitaria in atto, trasformata in grave crisi economica. «Analizzando il periodo maggio-settembre del 2019 e confrontandolo con lo stesso periodo del 2020 emerge che da un anno all’altro l’incidenza dei “nuovi poveri” passa dal 31% al 45%: quasi una persona su due che si rivolge alla Caritas lo fa per la prima volta. Aumenta in particolare il peso delle famiglie con minori, delle donne, dei giovani, dei nuclei di italiani che risultano in maggioranza (52% rispetto al 47,9 % dello scorso anno) e delle persone in età lavorativa».

Sembra dunque profilarsi il tempo di una grave recessione economica che diventa terreno fertile per la nascita di nuove forme di povertà, proprio come avvenuto dopo la crisi del 2008.