“NON C’È EMERGENZA CLIMATICA” LO AFFERMANO 1200 SCIENZIATI

0
190
CLIMA

QUI DI SEGUITO RIPORTIAMO UN ESTRATTO DELLA DICHIARAZIONE MONDIALE SUL CLIMA FIRMATA DA SCIENZIATI DI TUTTO IL MONDO, TRA CUI NOBEL E PROFESSORI EMERITI PUBBLICATA IL 27 GIUGNO 2022. 

La scienza del clima dovrebbe essere meno politica, mentre le politiche climatiche dovrebbero essere più scientifiche. In particolare, gli scienziati dovrebbero sottolineare che il loro output di modellazione non è il risultato della magia: i modelli computerizzati sono creati dall’uomo. Ciò che viene fuori dipende completamente da ciò che teorici e programmatori hanno inserito: ipotesi, relazioni, parametrizzazioni, vincoli di stabilità, ecc.

Sfortunatamente, nella scienza del clima tradizionale la maggior parte di questo input non è dichiarato. Credere al risultato di un modello climatico significa credere a ciò che i modellisti hanno inserito. Questo è precisamente il problema della discussione odierna sul clima in cui i modelli climatici sono centrali. La scienza del clima è degenerata in una discussione basata su credenze, non su una solida scienza autocritica. Dovremmo liberarci dall’ingenua credenza in modelli climatici immaturi. In futuro, la ricerca sul clima dovrà dare maggiore enfasi alla scienza empirica.

Non c’è emergenza climatica

Una rete globale di oltre 1200 scienziati e professionisti ha preparato questo messaggio urgente. La scienza del clima dovrebbe essere meno politica, mentre le politiche climatiche dovrebbero essere più scientifiche. Gli scienziati dovrebbero affrontare apertamente le incertezze e le esagerazioni nelle loro previsioni sul riscaldamento globale, mentre i politici dovrebbero contare spassionatamente i costi reali così come i benefici immaginati delle loro misure politiche.

Fattori naturali e antropici causano il riscaldamento
L’archivio geologico rivela che il clima della Terra è variato da quando esiste il pianeta, con fasi naturali fredde e calde. La piccola era glaciale si è conclusa di recente nel 1850. Pertanto, non sorprende che ora stiamo vivendo un periodo di riscaldamento.

Il riscaldamento è molto più lento del previsto
Il mondo si è riscaldato significativamente meno di quanto previsto dall’IPCC sulla base della forzatura antropogenica modellata. Il divario tra il mondo reale e il mondo modellato ci dice che siamo lontani dal comprendere il cambiamento climatico.

La politica climatica si basa su modelli inadeguati
I modelli climatici presentano molte carenze e non sono nemmeno lontanamente plausibili come strumenti politici globali. Esplodono l’effetto dei gas serra come la CO 2 . Inoltre, ignorano il fatto che arricchire l’atmosfera con CO 2 è benefico.

La CO 2 è il cibo vegetale, la base di tutta la vita sulla Terra
La CO 2 non è un inquinante. È essenziale per tutta la vita sulla Terra.
La fotosintesi è una benedizione. Una maggiore quantità di CO 2 è benefica per la natura, rendendo più verde la Terra: una maggiore quantità di CO 2 nell’aria ha promosso la crescita della biomassa vegetale globale. È anche un bene per l’agricoltura, aumentando i raccolti dei raccolti in tutto il mondo.

Il riscaldamento globale non ha aumentato i disastri naturali
Non ci sono prove statistiche che il riscaldamento globale intensifichi uragani, inondazioni, siccità e simili disastri naturali, o li renda più frequenti. Tuttavia, vi sono ampie prove del fatto che le misure di mitigazione della CO 2 siano tanto dannose quanto costose.

La politica climatica deve rispettare le realtà scientifiche ed economiche
Non c’è emergenza climatica. Pertanto, non c’è motivo di panico e allarme. Ci opponiamo fermamente alla politica nociva e irrealistica di zero emissioni nette di CO 2 proposta per il 2050. Se emergeranno approcci migliori, e sicuramente lo faranno, avremo tutto il tempo per riflettere e riadattarci. L’obiettivo della politica globale dovrebbe essere “prosperità per tutti” fornendo energia affidabile e a prezzi accessibili in ogni momento. In una società prospera uomini e donne sono ben istruiti, i tassi di natalità sono bassi e le persone si preoccupano del proprio ambiente.