“Una lapide per ricordare Pietro Fumaroli, Renato Rosata e Giuseppe Canu”

0
2060
foto generica

La sezione ANPI  di Ladispoli-Cerveteri “Domenico Santi”, nell’ambito della celebrazione della Giornata della Memoria, rende noto che dopo  un lungo lavoro di ricerca e riferimenti storici, si è appurato che in data 23 settembre 1943, in località Torre di Palidoro tre cittadini italiani (Pietro Fumaroli, Renato Rosata, Giuseppe Canu) furono trucidati dai militari tedeschi.

I tre giovani vennero fucilati nello stesso luogo dove, poche ore dopo, sarebbe stato ucciso nello stesso modo il Vice-Brigadiere dell’Arma dei Carabinieri, Medaglia d’Oro al V.M. Salvo D’Acquisto. Avendo altresì verificato la mancanza di un riconoscimento e della visibilità del fatto, l’ANPI chiede che vengano prese adeguate iniziative in memoria dell’accaduto, attraverso l’apposizione di una lapide, un cippo o un monumento commemorativo, sul luogo dell’eccidio quale dichiarazione storica e ricordo per le future generazioni dell’assassinio di questi giovani nostri concittadini. che, come troppo spesso è successo non hanno avuto alcuna giustizia, in quanto il loro omicidio fu in seguito, praticamente occultato e rimase solo uno dei 695 fascicoli riguardanti i crimini di guerra nazifascisti nel nostro paese rimasti chiusi, per più di 50 anni in quello che, da più voci, è stato giustamente definito “l’armadio della vergogna”.

 Il Direttivo della sezione ANPI

di Ladispoli-Cerveteri

  “Domenico Santi”