Jorge Lorenzo, sarà veramente ritiro?

0
213
Jorge Lorenzo

Nonostante abbia ufficializzato il suo addio alle corse, lo spagnolo è diviso tra un ritorno a tempo pieno e un ruolo da collaudatore.

di Christian Scala

Spagnolo di Palma di Maiorca, classe 1987,  vincitore di cinque titoli tra classe 250 e Motogp, dopo un biennio condizionato da alcuni infortuni, nel  Novembre 2019 ha annunciato il suo ritiro dalle corse, ma a inizio 2020 è stato annunciato il suo ritorno come collaudatore per la Yamaha, ma negli ultimi giorni non ha escluso un suo ritorno alle gare.

Pilota da record

Sin da bambino lo spagnolo  ha avuto una forte passione per le moto, a soli quattro anni corse il campionato di mini cross, vincendo tre titoli di campione  e gareggiò in seguito con le minimoto, dimostrando di poter essere un buon pilota, avendo sin da piccolo buone qualità che usò per primeggiare anche quando partecipò in altre competizioni, dove pur non vincendo, arrivò nei primi posti. Arrivò il debutto nella classe 125, dove a quindici anni diventò il pilota più giovane a correre in un motomondiale,  un nuovo record fu stabilito nel 2006 al secondo anno in 250, quella che oggi si chiama Moto2,  vincendo il titolo mondiale fu il secondo pilota più giovane di sempre a vincere il campionato, ottenendo il bis nel 2007, mentre successivamente fu miglior esordiente in Motogp, terminando quarto. Nella massima classe del motomondiale vinse tre titoli, ma i frequenti infortuni lo limitarono, riuscendo comunque a piazzarsi bene, nefasto fu il biennio in Ducati dove non vinse nessuna gara il primo anno, ma vincendo al Mugello il secondo anno, il ritorno alla Honda lo scorso anno non è stato fortunato, saltando molte gare e decidendo in questo modo di chiudere la sua carriera.

Possibile rientro in pista

Dopo il suo annuncio come collaudatore Yamaha, ci  sono state numerose speculazioni su un suo futuro rientro, per gli appassionati, questo nuovo ruolo è un motivo per tornare a gareggiare, l’ex campione in effetti ha partecipato anche ai test pre stagione 2020, continuando a non frenare le voci che vorrebbero il suo rientro  ufficiale alle corse il prossimo anno. Lo stesso Lorenzo ha annunciato che sicuramente correrà durante il gran premio di Catalunya, in programma a Barcellona a Giugno, in quella che a causa del Corona virus potrebbe essere la gara inaugurale della stagione, a favore di un suo ritorno è un altro spagnolo, Maverick Vinales. Che ha invitato la Yamaha  a concedere più  inviti all’ex pilota, in modo che possa contribuire a sviluppare al meglio la moto. Lo spagnolo ha smentito un suo ritorno alle gare a tempo pieno, ammettendo che tornerebbe solamente per correre con la Yamaha, escludendo altri team, d’altronde per il prossimo anno si parla del team satellite Petronas, che oltre a Lorenzo, potrebbe schierare Valentino Rossi, con cui è stato compagno  nella precedente esperienza con il team giapponese. 

Campione straordinario

Lo spagnolo è stato un grande campione, allo stato attuale delle cose bisognerà vedere cosa riserverà a Jorge Lorenzo il futuro, il tornare  in pista tempo pieno il prossimo anno, potrebbe essere un segnale per allontanare anche  il fattore più determinante per gli ex campioni e sportivi, la perdita della celebrità e la grande paura che ben presto gli appassionati si dimentichino in fretta di loro, ma i campioni che hanno fatto la storia dello sport rimarranno sempre nella memoria.