Santa Marinella, strisce blu: la replica di Tidei

0
116
strisce blu

Santa Marinella era, fino a oggi, e senza ombra di dubbio, l’unica città del Lazio, ma oserei dire della Nazione a non aver ancora istituito il servizio di sosta a pagamento e d’ora in poi sarà anche la sola località turistica del litorale, da Roma ad Orbetello ad avere il minor numero in assoluto di stalli blu sul suo territorio.

Anche le tariffe saranno tra le più basse in assoluto adottate dai comuni d’Italia poiché sono state previste delle forti agevolazioni per i cittadini residenti e i pendolari. Per questo motivo ritengo che le tante polemiche e critiche che ci sono giunte negli ultimi giorni anche da alcune movimenti pseudopolitici pronti sempre e solo a puntar il dito ma privi di qualsivoglia capacità propositiva, siano assolutamente strumentali e fuorvianti perché, volutamente forniscono false informazioni alla popolazione, siano essi abitanti o turisti, che meritano ed hanno il diritto invece di essere messi al corrente dell’operato di questa amministrazione che ha agito sempre nell’obiettivo di tutelare tutte le categorie, in particolare studenti o lavoratori costretti a viaggiare in treno per raggiungere la capitale.

Per prima cosa vorrei ricordare che questa maggioranza sta solo portando avanti, dopo aver ridimensionato e di molto, il progetto approvato dall’ ex giunta del sindaco Roberto Bacheca che aveva previsto di realizzare solo a Santa Marinella tra gli 800 e i mille posti auto a pagamento. Noi, al contrario per non andare a gravare sulle tasche dei cittadini abbiamo quasi dimezzato questo numero e ridotto a 500 gli stalli blu; inoltre nel redigere le tariffe abbiamo diminuito ancora la quota a carico dei residenti che pagheranno un abbonamento mensile a soli 20 euro. Basti dire che nella vicinissima Civitavecchia gli abitanti sono costretti a sborsare la cifra di ben 50 euro al mese, più del doppio di quanto pagheranno i santamarinellesi ai quali inoltre verranno offerte altre due opportunità di risparmio. Oltre al parcheggio gratuito per veicoli elettrici e possessori di tagliando per disabili, per quanti decideranno di acquistare un abbonamento annuale il costo sarà di 120 euro, ovvero dieci euro al mese, molto meno di un caffè al giorno. Ma non è tutto, perché è falso che fermarsi per far una commissione in banca a comprare il giornale o bere un caffè al bar si dovrà pagare il ticket poiché le soste brevi, fino a 20 minuti, saranno completamente gratuite (esponendo il disco orario) e questo anche per non penalizzare le attività commerciali quali chioschi, bar edicole e negozi.

Falsa anche l’accusa di voler gravare sulle tasche dei pendolari, perché nella zona di via IV Novembre e della stazione ferroviaria di Santa Marinella ci saranno centinaia di posti auto bianchi dunque gratuiti Inoltre abbiamo affidato la gestione alla nostra società municipalizzata senza esternalizzare a privati il servizio creando anche qualche posto di lavoro. Più di questo, non credo sarebbe stato possibile fare e per tanto invito i detrattori seriali di questa amministrazione a smetterla di gettare fumo negli occhi dei cittadini e dei villeggianti nel tentativo di far passare per delle verità solo delle menzogne. Allo stesso modo chiedo ad abitanti e turistici di fare un confronto in tutta onestà con le altre cittadina del comprensorio, invase dagli stalli blu, dove è praticamente impossibile trovare un posto auto gratuito, dove non ci sono soglie di tolleranza di ben 20 minuti e dove gli abbonamenti costano più del doppio che a Santa Marinella.

Il Sindaco

Avv. Pietro Tidei