Poste Italiane finanzia un progetto della Ceos di Anguillara

0
823

 

Un progetto della Cooperativa Educatori Operatori Sociali di Anguillara Sabazia tra i 44 finanziati da Poste Insieme Onlus, la Fondazione di Poste Italiane nata per promuovere politiche di inclusione e solidarietà sociale.

È quello del “Centro Hand-Riabilitazione”, che intende offrire a 30 famiglie con soggetti con diagnosi relativa a psicopatologie dell’età evolutiva, un’organizzazione di servizi in rete di abilitazione, riabilitazione e assistenza nell’ottica di un modello socio-sanitario integrato e coerente con la programmazione locale di settore.

 

I progetti finanziati sono stati presentati oggi a Roma dalla presidente di Poste Italiane e della Fondazione, Luisa Todini, insieme all’amministratore delegato, Francesco Caio.

 

Alle forme di sostegno finanziario – con un investimento complessivo che ha già superato i 2 milioni e mezzo di euro – Poste Insieme Onlus unisce, grazie alla sinergia operativa con la funzione di responsabilità sociale d’impresa del Gruppo Poste Italiane, una inedita attività di volontariato aziendale al di fuori dell’orario di lavoro che costituisce a livello nazionale un’assoluta novità.

 

«I risultati del primo anno di attività di Poste Insieme Onlus ed il rinnovato e più consistente impegno assunto oggi con 44 nuove progettualità sociali ed una rete di 1200 volontari – ha spiegato la presidente Luisa Todiniconfermano come Poste Italiane sia un’azienda che è saldamente radicata da quasi 155 anni nel cuore e nell’anima del nostro Paese, vicina a famiglie e territori, in grado di intercettarne ed interpretare capillarmente bisogni ed aspettative, trasformandole da sempre in azioni concrete».

 

«Il percorso di sviluppo e trasformazione di Poste Italiane – ha dichiarato l’amministratore delegato Francesco Caioè imperniato su una costante attenzione al tema dell’inclusione sociale. Attraverso Poste Insieme Onlus e le numerose attività di corporate social responsibility, l’Azienda ha definito una strategia integrata che unisce ai valori della prossimità e della semplicità l’impegno solidale e responsabile degli organi aziendali e di tutti i suoi dipendenti in un agire comune, attraverso la condivisione di iniziative di volontariato in grado di innescare processi di cambiamento e miglioramento, anche culturale, del nostro Paese».