La Asl smentisce Juri Marini: “Il Pit non si tocca”

0
794

Verrebbe da scrivere che il consigliere Juri Marini ieri ha avuto una giornata difficile.

Quando infatti tutti si aspettavano le sue dimissioni dopo che aveva affermato di avere finito la sua avventura politica a seguito del naufragio del Partito democratico alle elezioni di Cerveteri, a sorpresa ha dichiarato di averci ripensato. Spinto da amici e conoscenti che lo avrebbero spronato a non lasciare il seggio al Granarone.

Poi, sempre nel corso della stessa seduta, ha lanciato un grido di allarme, paventando un drastico ridimensionamento del posto di primo intervento di Ladispoli e Cerveteri da parte della Regione Lazio. Invitando il sindaco Pascucci ad intervenire subito. Non sappiamo quale fosse la fonte da cui Juri Marini ha attinto questa notizia, fatto è che è arrivata la replica della Asl Rm 4 che smentisce tutto. Ecco il testo mandato alla stampa.

“In risposta agli articoli mezzo stampa a dir poco sbalorditivi per il contenuto che riportano quanto dichiarato dal consigliere Juri Marini in merito ad una presunta chiusura del PPI di Ladispoli La Asl Roma 4 chiarisce per l’ennesima volta la situazione del Punto di Primo Intervento.

Quello che spesso negli articoli viene indicato in modo non corretto come PIT ( Presidio Integrato territoriale) non è un Pronto Soccorso ma un Punto di primo Intervento, quindi non gestisce le urgenze. L’attuale PPI, offre agli utenti un riferimento dove si affrontano le stesse urgenze di basso e medio impatto assistenziale nell’ambito della medicina generale, e le affronta oggi come da sempre. Il PPI non è mai stato un pronto Soccorso, in quanto un Pronto Soccorso deve essere obbligatoriamente collocato all’interno di un ospedale.

Non è stato predisposto alcun atto di chiusura da parte dell’Azienda Sanitaria Asl Roma 4, che ha sempre avuto a cuore la presenza nel territorio di un punto di riferimento per garantire la continuità dell’assistenza ai cittadini, in considerazione della popolosità del territorio.
Inoltre, il Direttore Generale, Giuseppe Quintavalle, sottolinea che non vi è stata alcuna convocazione da parte degli enti comunali per discutere della questione, e che non c’è alcun incontro in programma per definire nè parlare della situazione del Punto di Primo Intervento.

La Direzione Aziendale della Asl Roma 4 smentisce dunque la notizia di una possibile chiusura del PPI che resterà a svolgere il ruolo per il quale è stato predisposto”.