“Se ci rispondono siamo pronti ad acquistare il Modena Calcio anche domani mattina”

0
882

“Siamo pronti ad acquistare il Modena Calcio anche domani mattina. Ma se dalla società gialloblù non arriva un segnale di interesse alla nostra proposta, una società con 105 anni di storia rischia di essere cancellata dal calcio italiano”.

Un ultimo appello alla dirigenza del Modena è giunto in queste ore da Alessio Sundas, agente Fifa e responsabile della Sport Man, che ha annunciato sia la disponibilità della sua agenzia a fornire giocatori, sponsor e supporto economico al club gialloblu, sia l’interesse di un famoso imprenditore toscano per l’acquisizione del pacchetto di maggioranza della società.

“Il comunicato dei giocatori del Modena- prosegue il manager Sundas – è l’ultimo capitolo di una vicenda triste ed assurda. Torniamo a ribadire che non possiamo permettere che la squadra di calcio della città delle storiche Figurine Panini finisca sepolta sotto i debiti e la cattiva gestione. Abbiamo appreso in queste ore che  che entro lunedì 9 la squadra ottobre dovrà anche lasciare lo stadio Braglia a causa di inadempienze in materie di mutui, e trovarsi un nuovo campo di allenamento e di gioco. Siamo ad un passo dalla cancellazione della società Modena, sentiamo parlare di fantomatici acquirenti. Noi siamo pronti ad intervenire per evitare la fine del Modena Football Club in modo serio per garantirne un regolare prosieguo nel campionato di Serie C e programmare la risalita nel calcio che conta. Non abbiamo avuti segnali dopo la nostra proposta, confermiamo che siamo pronti ad incontrare il sindaco e l’assessore allo sport del comune di Modena ma è ovvio che le trattative sia fanno in due. E se la presidenza della società gialloblù non ci risponde poco possiamo fare. E’ inammissibile, come abbiamo già sottolineato, che una società che ha anche vinto due trofei europei come le Coppe Anglo-Italiane, debba vagabondare da uno stadio all’altro per faccende societarie su cui preferiamo non commentare. E’ importante che a Modena il calcio non muoia, i tifosi sappiano che siamo pronti a fare di tutto per evitare il crack. Salvando innanzitutto il posto di lavoro dei giocatori che hanno diritto ad essere preoccupati”.