Cerveteri. La Capaci dei volontari!

0
290

La pulizia del murales realizzato in ricordo della strage di Capaci.


Cerveteri. Nella giornata di lunedì 23 maggio 2022, dedicata alla commemorazione della strage di Capaci, i volontari hanno dato prova di grande equilibrio e senso di responsabilità, con una azione concreta ed organizzata in pochissime ore, hanno offerto alla cittadina etrusca la pulizia dell’unico monumento artistico che commemora i Magistrati e gli agenti di scorta uccisi per mano mafiosa nel 1992, dopo averlo trovato al mattino inaspettatamente degradato.

È stato un momento importante per noi, prima di tutto dato dalla solennità della giornata, per quello che per ognuno di noi significa, per il messaggio che intendiamo lasciare alle future generazioni.

La pulizia del murales sito innanzi al campo Galli, sulla strada principale che collega Cerveteri a Ladispoli e Bracciano, è stato un gesto spontaneo, nato dalla esigenza di sopperire immediatamente, senza alcuna polemica, alla carenza manifestata da assessore e sindaco, che purtroppo denota chiaramente ed ancora una volta l’abisso che per i due vi è tra le parole ed i fatti.

Il murales è patrimonio artistico della città di Cerveteri, ricorda la strage di Capaci, Peppino Impastato, ed venne inaugurato dal sindaco solo il 23 maggio di 6 anni fa, ma dopo le foto di rito è stato abbandonato nel più totale degrado. Sul posto abbiamo trovato ogni genere di rifiuto, per non parlare delle alte erbacce.

Un muro pubblico della nostra città – dichiarava il Sindaco nel 2016 – da anni preso di mira dai vandali con scritte e simboli offensivi, ospita oggi una vera e propria opera d’arte. La scelta di realizzarla davanti lo Stadio Galli, frequentato ogni giorno da centinaia di giovani, non è stata casuale. Il mio ringraziamento va agli artisti che l’hanno realizzata e alle ditte Camassambiente e ASV che hanno messo a disposizione i materiali”.      

Vista l’incapacità sia di conservarlo, che di “ricordarlo” prendiamo noi volontari l’impegno di pulirlo ogni anno, certamente prima del 23 maggio, affinché i ragazzi della città lo possano utilizzare per l’educazione alla legalità e le commemorazioni.

Ringraziamo i numerosi volontari che sono accorsi: Vittoria Marini, Mario D’Alfonso, Gianni Canicossa, Maurizio Falconi, Luigi, Roberto e Francesco Canicossa, nonché tutte le persone che ci hanno già manifestato l’apprezzamento per il lavoro fatto.

I rifiuti generati dalla pulizia sono stati smaltiti regolarmente e prontamente.

Grazie a tutti

Francesca Toto

Coordinatrice del Comitato per la Legalità e l’anticorruzione