C’eravamo tanto amati. Guerra Pascucci – Grando

0
1294
I sindaci Grando e Pascucci insieme nella battaglia contro la discarica sul litorale

Sono botte da orbi tra i sindaci di Cerveteri e Ladispoli.

 Ad accendere la miccia il sindaco Alessio Pascucci con la dura nota stampa contro il collega Grando di Ladispoli.

“Siamo contenti che anche  il Sindaco di Ladispoli Alessandro Grando si sia finalmente accorto dei problemi dell’Istituto G. Di Vittorio di Ladispoli. Vogliamo dire agli studenti, che in queste ore stanno protestando in maniera sacrosanta per avere la loro palestra, che il Sindaco Grando in questi mesi non si è mai interessato alla loro situazione, né ha mai richiesto a noi Consiglieri o all’Area metropolitana aggiornamenti in merito. Mentre il Sindaco Grando si disinteressa delle problematiche dei territori, riuscendo a produrre solamente un vergognoso scarica barile, il sottoscritto e Federico Ascani, come Consiglieri (per di più di opposizione) dell’Area Metropolitana abbiamo presentato e fatto approvare un emendamento dal Consiglio metropolitano che prevede uno stanziamento di 200.000 euro per la palestra dell’Istituto G. Di Vittorio di Ladispoli e di altri 200.000 euro per la palestra dell’Istituto Enrico Mattei di Cerveteri. Questo emendamento verrà nuovamente discusso nel consiglio metropolitano di lunedì 27 novembre per il suo definitivo inserimento nel Piano triennale delle opere pubbliche. Non solo, grazie al sostegno dell’Assessore regionale Alessandra Sartore e del Presidente Nicola Zingaretti, la Regione co-finanzierà i due progetti per un intervento totale di 585.000 euro per la palestra dell’Enrico Mattei e di 962.000 euro per la palestra dell’Istituto Di Vittorio. Alla demagogia del Sindaco Grando che esprime una vicinanza di facciata e poi non produce nessun atto sostanziale, rispondiamo con i numeri e l’impegno di chi, come noi, lavora sul territorio per risolvere concretamente le problematiche e non per fare solo sterili polemiche”.

A breve giro di comunicato diffuso dall’ufficio stampa del comune pochi istanti fa ecco la risposta del sindaco Alessandro Grando. 

“Non sono disposto ad intraprendere una battaglia a mezzo stampa con il sindaco Pascucci, non mi interessa minimamente. L’unica cosa che mi interessa, e per la quale sono stato eletto, è risolvere i problemi della mia Città, in questo caso capire le motivazioni di tanto ritardo nella realizzazione di una palestra per l’Istituto alberghiero preannunciata da anni.

Afferma il falso il sindaco Pascucci quando dice che in questi mesi non mi sono mai interessato della situazione dell’Istituto alberghiero e che non ho mai chiesto ai Consiglieri o all’Area metropolitana aggiornamenti in merito. Più volte in passato, sollecitato dagli studenti, ho avuto modo di chiedere informazioni a Consiglieri metropolitani sulla vicenda, in particolare al Consigliere Marco Silvestroni di Fratelli d’Italia, ed è qui che ho avuto la spiacevole sensazione che i nostri rappresentanti locali presso l’Area metropolitana non stessero facendo abbastanza.

Quindi nessuna demagogia, contrariamente a quanto afferma Pascucci, la mia vicinanza ai problemi dell’Alberghiero non è di facciata ma sostanziale, questa mattina in piazza al loro fianco c’ero solo io.

Infine vorrei ricordare che non spetta a me produrre atti sostanziali in questo caso specifico, perché non è competenza del Comune di Ladispoli risolvere questa situazione vergognosa. È da oltre sei anni che l’Istituto alberghiero aspetta delle risposte concrete, quei famosi atti sostanziali di cui parla Pascucci, risposte che ad oggi non sono ancora arrivate con la gestione di centro sinistra prima e con la gestione grillina attuale.

Inoltre, la mia storia politica racconta che io non ho mai fatto demagogia e tanto meno ne avrei bisogno in questo momento. Sono stato eletto Sindaco da soli 5 mesi e ho davanti a me quattro anni e mezzo di mandato. La scadenza elettorale più vicina è quella delle regionali e non mi passerebbe mai per la testa di candidarmi per la poltrona di consigliere regionale, tradendo la fiducia dei cittadini che mi hanno appena eletto.

Vorrei chiudere questo siparietto tra Sindaci garantendo ad Alessio che mi troverà sempre sul campo per combattere battaglie a favore del nostro comprensorio”.