Campo di Mare, camper: liquami a mare

0
2647
camper

Nessun controllo per quello che di fatto è un campeggio abusivo senza pozzi per i liquami.

Lungomare dei Navigatori Etruschi ospita nel parcheggio i camper, che come le autovetture hanno diritto di parcheggiare. Ma se poi di notte le persone che li abitano svuotano i rifiuti in mare è un problema. La mancanza di controllo è un problema che i residenti denunciano. Quello che dovrebbe essere parcheggio, di fatto sembra essere un campeggio abusivo. Nonostante le ripetute segnalazioni, afferma – un cittadino – l’assessore all’Ambiente Elena Gubetti non è ancora intervenuta nella gestione dell’emergenza. Episodi che non stupiscono i residenti, che riportano episodi simili in passato e stanchi, chiedono controlli o sgombro dell’area.

Tra parcheggio e campeggio la differenza è nota, anche nel Palazzetto tanto che non sarebbero necessarie le denunce dei cittadini. I proprietari dei camper sembra che siano autorizzati a parcheggiare e non sostare. Ma la notte lo scenario cambia. Non ci sono pozzi per i liquami nell’area adibita a parcheggio, la notte queste persone sono state viste scaricare nel mare il contenuto dei bagni chimici. Le acque nere, ossia gli scarichi del bagno, sono solitamente arricchiti, oltre che dei bisogni, di disgreganti chimici che permettono al mezzo di profumare sempre di pulito.

Io non so più che fare, sono disperata e nessuno ascolta. Non è giusto, non possiamo fare il bagno a causa di questo scempio” di cui l’amministrazione è stata informata ripetutamente.Lo sfogo del residente diviene rabbia per le rassicurazioni ricevute “non ti preoccupare … interveniamo anche sui camper”, è stata la promessa, non rispettata, dell’assessora. “Sono almeno 5 anni che esiste un’area campeggio non attrezzata e gratuita a Campo di Mare“, prosegue il cittadino.

In passato di era parlato del progetto di creare un’area attrezzata dedicata agli amanti del campeggio in fondo al lungomare, nella zona dei depuratori, seppur gli abitanti non fossero convinti – conclude – quantomeno non si parlerebbe di inquinamento ambientale. La presenza, vicino agli stabilimenti più belli e attrezzati del lungomare etrusco, di 40 camper, è considerato inaccettabile. Sopratutto in questa estate ‘diversa’.

Telefonate, lettere, fotografie insieme a tante parole spese per sollecitare un intervento da parte dell’amministrazione, i cittadini tornano a chiedere una risposta veloce e controlli di notte.