“Acqua all’Acea? Non ci arrederemo così facilmente”

0
1158

“Prendiamo atto della sentenza del Consiglio di Stato che, a nostro avviso, non tiene in debito conto quanto avvenuto negli ultimi dieci anni sul tema della gestione dell’acqua a cominciare dal referendum nel quale la maggioranza degli italiani aveva espresso parere favorevole al mantenimento della gestione pubblica delle risorse idriche”.

Con queste parole il sindaco Paliotta ha commentato il verdetto del Consiglio di stato che potrebbe aprire le porte all’Acea per gestire il settore idrico a Ladispoli.

“In queste ore ci stiamo consultando con gli altri sindaci dei Comuni che insieme a noi avevano fatto ricorso e valuteremo le prossime decisioni.

Per quanto ci riguarda riteniamo la sentenza non operativa e, quindi, Flavia Servizi continuerà a gestire tutto il ciclo delle acque di Ladispoli.

Siamo fiduciosi che ci possano essere i margini perché siano riconosciute le ragioni dei Comuni, oltre a Ladispoli, di Civitavecchia, Arsoli,  Canale Monterano, Marano Equo, Agosta e Roviano”.