ACCADDE OGGI: LA STRAGE DI PORZUS

0
461
STRAGE DI PORZUS

7 febbraio 1945: Il massacro compiuto dai partigiani comunisti della Divisione Garibaldi Natisone contro la Brigata Osoppo: 17 morti.  Il fatto  è oggi  ricordato dalla RAI nella trasmissione Passato e Presente condotta da Paolo Mieli.

Era il 7 febbraio del 45, quando i partigiani comunisti trucidarono partigiani non comunisti. Avevano tutti vent’anni ed erano tutti partigiani, combattenti per la libertà. Il loro sangue ancora fa discutere e divide gli storici. Ci sono voluti oltre 70 anni per colmare la ferita, per mettere pace, almeno tra gli ex combattenti. Solo nel 2017, infatti, Anpi di Udine e Associazione Partigiani Osoppo hanno ricordato insieme le vittime, orrendamente falciate sul fogliame dell’ultimo inverno di guerra del 1945. Diciassette morti. Ognuno con un nome di battaglia. Enea, Bolla, Ateone. Tra loro Guido Pasolini, il fratello del grande poeta Pier Paolo, e Francesco De Gregori, zio dell’omonimo cantautore.

La strage di Porzus è una pagina che appartiene a uno di quei capitoli contrastati della ”guerra civile” in Italia. Una brutta storia che ebbe come teatro il Friuli orientale, all’interno delle Valli del Torre, nel comune di Attimis.

L’evento sarà ricordato dalla Rai nel corso della trasmissione “Passato e Presente” condotta dal giornalista e storico Paolo Mieli che intervisterà il professor Tommaso Piffer, docente dell’Università di Udine, i cui studi si sono concentrati in particolare su questo particolare episodio della guerra di Liberazione.

Nel corso del programma, che andrà in onda su Rai Tre alle 13.15 e in replica, lo stesso giorno, su Rai Storia (Canale 24) alle 20.20, saranno messe in onda anche alcune interviste registrate a studiosi e protagonisti, tra cui quella alla Medaglia d’Oro alla Resistenza Paola Del Din.

strage di porzus