Pascucci: “Faremo ripartire l’economia del territorio, altro che cemento”

0
1908
merda

 

Riceviamo e pubblichiamo dalla coalizione Esserci 2.0 che sostiene il sindaco Pascucci. 

Alcuni degli altri candidati sono disposti a tutto pur di arrivare in Consiglio Comunale, anche a mentire spudoratamente. Sono settimane che parlano solo di noi. Inventano bugie, si attribuiscono il merito di opere fatte e consegnate durante l’Amministrazione del Sindaco Alessio Pascucci. La loro campagna elettorale è incentrata unicamente sullo schernire e minimizzare tutto il lavoro che abbiamo fatto in questi 5 anni.

Alcuni di loro hanno dichiarato che il punto principale del loro programma sarà azzerare tutto quello che ha fatto il Sindaco Pascucci. In pratica vogliono riportare Cerveteri indietro nel tempo. Rivogliono i Patti Territoriali e tutti gli eco mostri che questi prevedevano, tra cui il mega centro commerciale alla Beca.

Questi politicanti allo sbaraglio, per sembrare preparati, sparano numeri a casaccio spesso inventandoli di sana pianta. Cercano con le loro bugie di spaventare i cittadini di Cerveteri e far credere loro cose che non stanno né in cielo né in terra. La realtà è molto diversa e per smentirli basta semplicemente leggere gli atti pubblici che sono tutti pubblicati sul sito Internet del Comune.

Da settimane li sentiamo parlare di centri commerciali che non esistono e non esisteranno mai, almeno finché ci saremo noi a governare questa città. Ma chi inventa questo spauracchio, sono gli stessi che per 20 anni hanno fatto di tutto per far cementificare l’area vergine della Beca, creando una nuova città, fatta solo di case e di un gigantesco e mostruoso centro commerciale di oltre 200 negozi che ucciderebbe il commercio locale. Un progetto che noi abbiamo bloccato nel 2012. Uno dei primissimi atti dell’Amministrazione Pascucci.

I cittadini hanno il diritto di conoscere la verità. LA NUOVA AREA ARTIGIANALE-COMMERCIALE-TURISTICA e a SERVIZI è stata in queste settimane oggetto di una politica terroristica da parte di alcuni candidati.

Nessuno dice che il nostro progetto, già adottato e pubblicato sul sito, prevede che i capannoni saranno costruiti su terreni comunali, e quindi pubblici. Mentre il vecchio progetto (quello che loro decantano), prevedeva capannoni costruiti da un monopolista privato che avrebbe stabilito costi e condizioni per gli artigiani. E non dava alcuna priorità agli artigiani di Cerveteri, come invece accade ora, nel nuovo piano. I capannoni saranno realizzati su terreno pubblico e alle condizioni dettate dagli artigiani e dal Comune.

Senza contare che la collettività otterrà circa 6.000.000 € di opere viarie, tra cui due rotonde stradali, una allo svincolo dell’Autostrada Roma-Civitavecchia, e una sulla Via Fontana Morella, che sarà allargata, illuminata e sarà realizzata una pista ciclabile. In più verrà realizzata una nuova opera pubblica da donare alla città di Cerveteri del valore di 1.400.000 €; saranno versati 1.371.761,25 € al comune quali oneri edificatori; si apriranno, da studi di settore, almeno 600/700 nuovi posti di lavoro; c’è da notare, infine, che di tutta l’area interessata dall’intervento, solamente il 20% potrà essere edificato, e con un indice di cubatura bassissimo. Altro che colata di cemento!

Ma questo non ancora tutto: per la prima volta nella storia di Cerveteri, ci sarà un’area urbanisticamente idonea ad ospitare una o più strutture alberghiere e servizi di grande interesse come un Cinema Multisala.

Questi sono fatti, supportati dagli atti adottati. I loro spauracchi servono solo ad attirare qualche commento su facebook. Lo dimostra il fatto che per 5 anni non hanno mai fatto una sola proposta o osservazione. Si fanno vedere solo oggi che sono in campagna elettorale. Altro che chiacchiere.