Mettere a tavola ‘Per Passione’ a Trevignano

0
414
Lo chef Daniele Tosto

Gastronomia made in Italy, l’eccellenza in movimento senza confini e stagioni.

Tra tradizione & ricerca: parla l’ex-calciatore della Sambenedettese Daniele Tosto, oggi chef-executive, con specializzazione in pasticceriadi Alberto Sava

Mettersi a tavola.Per noi italiani non è mai stata una doverosa necessità, ma tanto di più. Più dal nord si scende verso il centro ed il sud del Bel Paese ed il tanto di più diventa molto, molto di più. Sedersi a tavola e gustare un pasto insieme ai propri familiari per noi rappresenta una normalità dietro cui si nascondono il mangiare tradizionale, il piacere di assaporare i prodotti di sempre, il gusto della ricerca capace di armonizzare i profumi della routine alla scoperta di gusti nuovi per palati che conoscono, sanno riconoscere, capire. Non stiamo parlando di una elite, ma della normalità del piacere di mettersi a tavola, diffuso in tutte le nostre regioni. Per chi non lo avesse ancora capito, la gastronomia made in Italy è un’eccellenza che tutti cercano.Mettere a tavola. È altrettanto importante: cambiano i ruoli, ma non il resto.

lo staff del ristorante

Capita spesso di cercare, soprattutto attraverso il passa parola, quel tal ristorante capace di coniugare qualità e prezzo, dalla trattoria al locale gourmet. Chi scrive non fa eccezione e nella ricerca, elaborata dall’esperienza, tra qualche fiasco e tanti successi, abbiamo scoperto il cardine della cucina vincente, la passione. Un ingrediente in più che Tito, patron del ristorante “Per Passione” in via dei Platani a Trevignano, ha scelto per dare il nome, ma anche una identità all’attività che gestisce con figli Michele, quale pizzaiolo, coadiuvato a sua volta dall’aiuto Nicholas Di Biagio, e la sorella Alice in sala. All’attività non manca il contributo della signora Annarita De Santis, moglie di Tito e mamma di Michele ed Alice. Quindi una conduzione familiare, che nel menù coniuga la sostanza del ristorante dove la carta offre la tradizione, ma anche piatti rielaborati quel tanto che piace anche ai palati più attenti. In cucina Daniele, 29 anni ex calciatore della Sambenedettese, oggi capo chef per passione,che si avvale della primaria collaborazione di Diego Borgna e del supporto ai fornelli di Roberta, Sandra e Morena.Il locale è abbastanza grande all’interno ed ospitale all’esterno, con i tavoli posti su una pedana sotto gli ombrelloni. Dentro e fuori poco importa, da Tito si mangia bene e si spende il giusto, con un ingrediente in più nel piatto e nel nome la passione.

executive chef Daniele Tosto

Daniele Tosto, chef- executive, con specializzazione in pasticceria,ci introduce alla filosofia dell’attività di questo ristorante. “Diversamente dall’offerta del solo pesce di lago, generalizzata a Trevignano, noi proponiamo anche una vastissima scelta di pesce di mare. Tra antipasti, primi e secondi della tradizione,fuori menu, aggiungiamo una preparazione di caratura internazionale. Infine, la pasticceria è il nostro fiore all’occhiello, anche qui tra trazione e rivisitazione” conclude lo chef-executive Daniele Tosto, ex calciatore con tanti goal in campo ieri,ed oggi in cucina.