L’AERONAUTICA MILITARE CELEBRA LA MADONNA DI LORETO A BRACCIANO

0
380
madonna nera

Dopo la visita dello scorso anno della Sacra Effige al Centro Storiografico e Sportivo di Vigna di Valle, quest’anno la ricorrenza è stata celebrata a Bracciano alla presenza di numerose autorità.

Mercoledì 13 dicembre si è tenuta a Bracciano una doppia cerimonia in onore della Madonna di Loreto, Celeste Patrona degli aviatori. L’evento è frutto della collaborazione tra il Comandante del CSSAM (Centro Storiografico e Sportivo dell’Aeronautica Militare) di Vigna di Valle, Colonnello Luigi Barbagallo, e il Presidente dell’Associazione Arma Aeronautica – Sezione di Bracciano – Generale in congedo Alessandro Gresta ed ha visto la partecipazione di numerose autorità militari e civili in rappresentanza delle istituzioni e delle associazioni locali.

Dopo la visita a Vigna di Valle della Sacra Effige itinerante dello scorso anno, per il Giubileo Lauretano concesso da Papa Francesco in occasione del Centenario dalla proclamazione della Virgo Lauretana a “Aeronautarum Patrona”, e culminata come si ricorderà in un volo in elicottero con speciale benedizione sui paesi del comprensorio, anche quest’anno il Comandante del CSSAM ha voluto condividere questa festa nel paese che fin dal 1906 ha offerto ospitalità all’antico idroscalo “Luigi Bourlot” di Vigna di Valle, oggi sede del Centro Sportivo e del Museo Storico dell’Aeronautica Militare.

La commemorazione ha avuto inizio presso il monumento in piazzale Licio Giorgeri, in prossimità dell’asilo comunale di Bracciano, dove con una sobria cerimonia di alzabandiera e deposizione di una corona si è reso onore a tutti gli aviatori caduti in servizio. La cerimonia è poi proseguita presso la Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Novella, dove si è celebrata la Santa Messa in onore della Madonna di Loreto, presieduta dal Parroco di Bracciano Don Francisco De Macedo, e animata dal coro, composto da personale del CSSAM.

Nella sua omelia Don Francisco De Macedo ha messo in evidenza “…in questo momento è importante la solidarietà, ma soprattutto per chi come voi indossa una divisa e per chi come noi rappresenta un gruppo o un’istituzione, è fondamentale trovare il discernimento tra autorità e autorevolezza: Maria aveva autorevolezza su Colui che ha autorità…”

La funzione si è conclusa, come da tradizione, con la Preghiera dell’Aviatore letta dal Comandante del CSSAM il quale, dopo la benedizione finale, nel rimarcare lo stretto legame tra il personale dell’A.M. e la Madonna di Loreto, ha approfittato per ringraziare quanti hanno voluto partecipare all’evento e a quanti lo hanno reso fattibile: Una solennità in cui gli uomini e le donne in azzurro rinnovano i loro sentimenti di profonda devozione alla Vergine lauretana affidando alla Sua premura il proprio lavoro, gli affetti più cari, l’Italia intera, certi di ricevere da Maria il più dolce abbraccio, quello che si può ricevere da una Madre”.

Il legame tra Aeronautica Militare e Madonna di Loreto risale alle origini del culto della Santa Casa di Nazareth di Galilea in cui Maria nacque e ricevette l’annuncio angelico. La casa fu presto trasformata in luogo di culto fino alla cacciata dei cristiani dalla Terra Santa ad opera dei musulmani. Narra la leggenda che negli anni delle crociate, tra il 1291 e il 1294, per preservare la casa dal sicuro saccheggio, questa fosse stata trasportata “in volo per mano di angeli” da Nazareth fino alle coste del colle lauretano. Accogliendo i desideri dei piloti reduci dalla Prima Guerra Mondiale (1915-18), il 24 marzo 1920 Papa Benedetto XV proclamò la Madonna di Loreto “Celeste Patrona di tutti gli aeronautici”. Di lì a poco, il 28 marzo 1923, la Regia Aeronautica venne istituita ufficialmente come Forza Armata, e proprio nell’anno a venire festeggerà i suoi primi cento anni con tutta una serie di iniziative in programma. Da allora, in tutti i reparti, ogni 10 dicembre si venera la Virgo Lauretana, protettrice di tutti gli aviatori. La protezione di Maria non si limita al solo trasporto aereo operato dalle Forze Armate, ma si riferisce ad ogni viaggiatore e a quanti operano per la loro sicurezza.