Ladispoli e Cerveteri, bando Sport e Periferie 2022

0
164
bando sport e periferia 2022

Nell’area del Galli si potrà riqualificare il campo di calcio e la piscina abbandonata.

Giovanni Ardita – “Per il Cerveteri ed il Borgo S. Martino si potrà realizzare un impianto di calcio moderno con una pista di atletica la tribuna e una nuova copertura da poter dedicare al campione scomparso Alessandro Cordelli. È di questi giorni la pubblicazione del nuovo Bando Sport e Periferie, il decreto della Presidenza del Consiglio Dipartimento dello Sport oltre a limitare il contributo ai soli comuni, tagliando così fuori le associazioni sportive, con una popolazione inferiore ai 50.000 abitanti. Il bando scade il 15 ottobre ma già dal 15 giugno molti comuni hanno cominciato a inoltrare le domande con i relativi progetti.

Sia il Comune di Ladispoli che il Comune di  Cerveteri rientrano nei criteri di assegnazione del bando, ed è importante che vi partecipino soprattutto il Comune di Cerveteri che oltre ad avere carenze negli impianti ha anche problemi alle strutture già esistenti come ad esempio lo stadio comunale “Enrico Galli” dove il manto sintetico è saturo, dove la pista di atletica è praticamente inutilizzabile, dove la fatiscienza di spogliatoi e tribuna è davanti agli occhi di tutti, è innegabile che oggi sia una struttura al limite dell’agibilità.

Non parliamo poi del Borgo San Martino Calcio, società che si è messa in evidenza conquistando il terzo posto in Promozione e per aver vinto facilmente il campionato provinciale della Juniores, è l’unica società sportiva che mette in atto una politica di investimenti per far praticare sport ai ragazzi del territorio, loro meriterebbero di giocare in un loro campo di calcio a Cerveteri, invece sono costretti ad essere ospitati nel bellissimo impianto dello stadio Angelo Sale, che comunque ha i suoi costi di gestione ogni volta che gli atleti del Borgo San Martino fanno gli allenamenti o le partite ufficiali della prima squadra o del settore giovanile.

Cerveteri non può perdere questa grande occasione, il finanziamento a fondo perduto dalla Presidenza del Consiglio Dipartimento Sport per 1.000.000 di euro è fondamentale per riqualificare un’area situata in polmone verde bellissimo, dove si trovano il campo di calcio, la piscina, il campo da rugby, anche se manca di spogliatoi del sistema di irrigazione e di un sufficiente impianto di illuminazione , uno dei requisiti principali del bando per ottenere un ottimo punteggio e arrivare all’assegnazione del fondo è la polivalenza del progetto e quell’area ha tutte le caratteristiche per poter ospitare discipline sportive come calcio, rugby, atletica nuoto, tennis e padel, altri criteri fondamentali per una buona valutazione del progetto sono l’efficientamento energetico e l’inclusività per gli atleti con disabilità.

È ora di pensare al futuro dei giovani di Cerveteri – conclude Ardita – è fondamentale incentivare le famiglie alla cultura dello sport, questa è un’occasione che la città non può farsi sfuggire. Migliorare gli impianti sportivi vuol dire educare allo sport i giovani.  Giovenale quasi duemila anni fa diceva “mens sana in corpore sano” questa è l’occasione per far avvicinare le famiglie e fargli capire che praticare sport migliora la vita, quindi questa città non può più privarsi di un grande impianto sportivo polivalente dove poter praticare calcio, nuoto, atletica, tennis e padel sono sicure che diventerebbe un polo di aggregazione sociale dove giovani e famiglie possono trascorrere delle belle giornate”.