Ladispoli, poesia in romano: ” L’ommini in quarantena”

0
205
poesia in romano

Marco Milani invita a creare. Una sua poesia in romano.

L’ommini in quarantena

‘N giorno a na vorpe assai marconcia,

Vedenno la città ormai deserta,

Je venne n’idea ‘n testa ‘n poco sconcia:

“Che l’ommini ce stanno ne so certa,

l’odore che m’ariva non m’inganna,

so chiusi drento casa, sotto coperta.

Me faccio ‘n bel giretto, sai che manna

Come ‘na gran signora vojo esse

Che gira a testa arta più de ‘na spanna”.

‘N gatto che dormiva sotto ‘n calesse

la vide c’arivava tutta pomposa,

guardannola la testa ‘n poco eresse

e con ‘n filo de voce fece ‘na chiosa:

“A bella, nun fa’ come li cristiani,

che come padron der monno stanno ‘n posa

fanno danni  senza penzà ’r domani

noi semo cento, mille vorte mejo,

noi semo bestie, mica esser’umani”.

Marco Milani

Dal 13 marzo sulla pagina e sul gruppo Facebook (Ladispoli andrà tutto bene) si raccolgono racconti, poesie, dipinti, canzoni, scritti e ideati durante la quarantena. Ma sono benvenuti anche citazioni e brani famosi.
Una volta raccolto tutto ciò in quantità sufficiente sarà pubblicato un libro i cui proventi saranno devoluti alla Protezione Civile Comunale.
L’invito che rinnova l’assessore Milani è  quello di scrivere, creare, viaggiare con la mente e postare tutto nelle pagine sopracitate.