È il momento della zucchina romanesca!

0
298

Gustosa, dietetica e ricca di vitamine

di Alfonso Lustrino

Mangiare le zucchine fa bene, se poi sono romanesche lo è ancora di più perché saporite, salutari e con un fiore buonissimo.

E’ un ortaggio della famiglia delle cucurbitacee. Al supermercato si trovano sempre (spesso di serra), ma la stagione in cui è meglio consumarle è senza dubbio l’estate, quando crescono all’aperto: il sapore migliora ed il prezzo si abbassa. I diversi tipi esistenti in Italia sono simili nel sapore, ma possono a volte differire nell’aspetto che può comprendere o meno striature e macchie di diverse forme e dimensioni. Di quella romanesca possiamo dire che mantiene la polpa soda anche dopo la cottura, che è poco acquosa, dolce e ha un sapore piuttosto deciso.

L’aspetto delle zucchine romanesche è corto e spesso, la loro superficie rugosa, caratterizzate dalla presenza di striature. Nel Lazio sono coltivate nella zona a Sud di Roma, da Cerveteri/Ladispoli fino ad arrivare a Terracina.

Ha moltissime proprietà benefiche, è ricca di vitamina A, C e E, di potassio e contiene anche magnesio e manganese che aiutano nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. Ricca inoltre di acido folico risulta particolarmente indicata per le donne in gravidanza. Ha anche grandi proprietà antiossidanti, disintossicanti, diuretiche, sedative, antinfiammatorie ed è efficace contro il problema della stipsi.

La zucchina poi è una verdura che si presta molto anche nelle diete (12 calorie per 100 g di prodotto), perché povera di calorie e ricca di acqua. Possono essere cotte in tutti i modi: bollite, fritte, stufate, marinate, al forno, mescolate a minestroni e risotti o usate per condire pasta o riso. Scavate le possiamo farcire di carne, di pesce di formaggi e diventano così piatti unici.

Lasciate crescere raggiungerebbero dimensioni ragguardevoli, ma l’ideale per il loro consumo è raccoglierle quando sono lunghe non più di 15 centimetri. Sono verdure che presentano uno scarto davvero minimo.

Per capire se sono state raccolte da poco bisogna controllare la buccia, che deve essere ben tesa al tatto e lucida alla vista, e priva di grinze, bitorzoli e macchie. La polpa deve invece essere non troppo morbida, compatta e non elastica. Altro elemento per valutarne la freschezza è la presenza del fiore, che deve avere i colori vivaci.

I fiori (impropriamente chiamati fiori di zucca) che produce possono essere di due tipi:

  1. a) femminili: si trovano all’apice della zucchina;
  2. b) maschili: sono i più adatti ad essere consumati, crescono sul gambo e sono venduti a mazzi. Devono essere colti bene aperti al mattino, così che si possano facilmente pulire e farcire.

Come per ogni frutta o ortaggio si consiglia vivamente la provenienza da agricoltura biologica, cioè una coltivazione che non utilizza pesticidi, concimi chimici, diserbanti, sementi OGM e qualsiasi sostanza tossica per l’uomo e per l’ambiente.

In definitiva: è tempo di zucchine! Meglio se romanesche, locali e biologiche.

Buon appetito.

COME PREPARARE LE ZUCCHINE SOTT’OLIO
Le zucchine sott’olio sono una conserva facile e veloce da preparare nel periodo estivo e da conservare in dispensa per il lungo inverno. I barattolini con queste verdure di stagione, si aggiungono quindi alle tante conserve che solitamente si preparano in primavera ed estate, come carciofini, melanzane e peperoni.

Le zucchine sott’olio sono ideali per essere servite su delle bruschette o come contorno a secondi piatti di pesce e di carne. Profumate con la menta, impreziosite dal pepe in grani, sono gustose e invitanti.

INGREDIENTI

  • 1 kg di zucchine
  • 500 ml di acqua
  • 250 ml di aceto bianco di mele
  • 2 cucchiai di sale grosso
  • 2 spicchi di aglio
  • un pizzico di sale
  • pepe in grani (nero, bianco, verde e rosa)
  • menta fresca
  • olio extravergine di oliva qb

PREPARAZIONE

  • Lavate accuratamente le zucchine e tagliatele a listarelle.
  • Sistemate le zucchine in una ciotola e cospargetele con il sale grosso (2 cucchiai).
  • Lasciatele riposare per circa 2 ore in modo che le zucchine possano perdere l’acqua in eccesso.
  • Risciacquate le zucchine e strizzatele.
  • Portate a ebollizione l’acqua con l’aceto e aggiungete un pizzico di sale fino. Cuocete le zucchine per 5 minuti e lasciatele raffreddare.
  • Sterilizzate 2 barattolini e sistemate le zucchine, aggiungete olio extravergine di oliva, aglio a pezzettini, pepe e menta.

Suggeriamo di conservare le zucchine sott’olio in un luogo fresco e asciutto, al riparo da fonti di calore, e attendere almeno un mese prima di consumarle.